Image Hosted by ImageShack.us

Fonte: Sony Pictures via Joblo.com

Dopo aver fatto notizia allo Slamdance Film Festival di Park City (Utah) il 21 Gennaio, si appresta ad uscire in DVD il documentario "Ringers: Lord of the Fans", dopo che la Sony Pictures ne ha acquistati i diritti (ben sapendo che la cosa le frutterà parecchio).
Uscirà il 22 Novembre negli Stati Uniti (non preoccupatevi, potete prenderlo su internet…) quella che era nata come una serie di corti dedicati ai Fan del Signore degli Anelli e che grazie all'interesse di alcuni produttori è diventato un lungometraggio vero e proprio.

A cinquant'anni dalla pubblicazione, il documentario intende indagare l'impatto che il libro ha avuto sulla cultura popolare, è quindi dedicato ai fans che qui vengono chiamati Ringers.

Prodotto da Tom Desanto (il produttore di X-Men) assieme a Carlene Cordova e Cliff Broadway (che sono anche sceneggiatori e registi), "Ringers" è narrato da Dominic Monaghan e contiene interviste a molti personaggi del cast e della crew del film (tra tutti Peter Jackson, Ian McKellen, Elijah Wood, Viggo Mortensen, Sean Astin) e a celebrità come Cameron Crowe, David Carradine, Clive Barker. Il guru dell'horror Barker tra l'altro sta per adattare la serie di romanzi fantasy per bambini "Abarat", sotto la produzione della Disney. Uno dei professori di Barker fu uno studente di Tolkien a Oxford.

Quello che ora è un film, era nato per essere una serie di brevi corti a proposito dei Fan, da pubblicare sul sito TheOneRing.net, che conta una media di 16 milioni di lettori al mese.

Cordova aveva già prodotto una serie di piccoli documentari per il sito (i famosi "torn digital") e si considerava veramente appassionata del mondo di Tolkien, così rimase impressionata quando, realizzando le interviste, scoprì che c'era gente ancora più innamorata della Terra di Mezzo di lei.

Impressionata dalle varie storie (e a volte veri e propri "casi umani", come la signora che veniva dal Texas apposta per farsi firmare un libro da Viggo Mortensen…) decise che bisognava raccontare e indagare questa realtà dei…Ringers.

In un secondo momento si decise di allargare la tematica all'influenza dei libri di Tolkien sulla cultura popolare: il risultato sono 50 anni in 95 minuti. E non si tratta solo di vedere le conseguenze come Dungeons and Dragons, ma di esplorare le influenze nell'arte, nella letteratura, nella quotidianità . Un esempio su tutti gli anni sessanta: i documentaristi hanno scoperto che la maggior parte delle personalità "influenti" dal punto di vista della cultura pop negli anni sessanta (la musica prima di tutto) furono a loro volta influenzate da Tolkien.

E così si finisce per parlare dei Led Zeppelin e della loro canzone "Ramble On", contenuta nel film (con il permesso degli autori), dei Beatles e del loro tentativo di film su Lotr.
Parlando di film, non si cita solo la recente trilogia premio Oscar, ma anche i tre film (di cui due di animazione) degli anni 70-80.

Alcuni hanno paragonato i "Ringers" a "Trekkies", il noto documentario del 1997 sui fan di Star Trek. Ma Broadway non vuole nemmeno prendere in considerazione un documentario come quello, realizzato da fan che si prendono principalmente gioco degli altri fan. "Ringers" al contrario è un tributo ai fan, da parte di due enormi fan.

Sul sito della Sony sono disponibili molti contenuti speciali: interviste, trailer, galleria di immagini, clip dal documentario stesso.

Il Sito di Ringers: Lord Of The fans