Sappiamo che Amy Schumer è in trattative per prendere parte al live-action dedicato a Barbie nel ruolo della protagonista. Dopo la rivelazione, Schumer ha ricevuto molte critiche in rete, molte delle quali sostengono che l’attrice non abbia il fisico adatto per la parte. Tuttavia è stata la stessa Schumer, via Instagram, a rispondere di non dare credito ai commenti sul proprio corpo e di non aver mai preso seriamente il polverone sollevato dalla notizia:

Sono forte e fiera di come vivo la mia vita, di dire quello che penso e di lottare per ciò in cui credo (…), dove sarebbe la vergogna? Non c’è. È tutta un’illusione. A tutti coloro che sono stati attaccati o che non si sentono in pace con loro stessi, io sto lottando per voi, per noi. E vorrei che lottaste anche voi. Dobbiamo ridere degli hater, e provare simpatia per loro.

Qui di seguito il post dell’attrice:

 

Very very honored to be nominated for 2 Grammys and to be considered to play an important and evolving icon. Is it fat shaming if you know you’re not fat and have zero shame in your game? I don’t think so. I am strong and proud of how I live my life and say what I mean and fight for what I believe in and I have a blast doing it with the people I love. Where’s the shame? It’s not there. It’s an illusion. When I look in the mirror I know who I am. Im a great friend, sister, daughter and girlfriend. I’m a badass comic headlining arenas all over the world and making tv and movies and writing books where I lay it all out there and I’m fearless like you can be. Thanks to everyone for the kind words and support and again my deepest sympathy goes out to the trolls who are in more pain than we will ever understand. I want to thank them for making it so evident that I am a great choice. It’s that kind of response that let’s you know something’s wrong with our culture and we all need to work together to change it. Anyone who has ever been bullied or felt bad about yourself I am out there fighting for you, for us. And I want you to fight for yourself too! We need to laugh at the haters and sympathize with them. They can scream as loud as they want. We can’t hear them because we are getting shit done. I am proud to lead by example. “I say if I’m beautiful, I say if I’m strong. You will not determine my story. I will” #thegirlwiththelowerbacktattoo

Una foto pubblicata da @amyschumer in data:

 

Il post segue la notizia della doppia candidatura di Schumer ai Grammy, sia per il suo live all’Apollo che per l’album The Girl With The Lower Back Tattoo.

La Sony è al momento alla ricerca di un regista per il film. Della produzione si stanno occupando Walter F. Parkes, Laurie MacDonald e Amy Pascal.

Creata nel marzo del 1959 dalla Mattel, Barbie è uno dei brand di giocattoli più importanti al mondo, e ogni anno genera 3 miliardi di dollari.

Fonte: Variety