Secondo l’Hollywood Reporter, almeno uno dei potenziali candidati alla presidenza degli Stati Uniti nel 2020 non sarebbe ancora sceso in politica. Si tratta infatti di Bob Iger, CEO della Walt Disney Company, che starebbe considerando l’ipotesi di candidarsi alla Casa Bianca alle prossime elezioni. Iger stesso ha rivelato che “Molte persone – davvero molte – si sono rivolte a me in vista di una possibile corsa alle elezioni politiche”. Non è la prima volta che si parla di una eventuale discesa in campo per Iger, anche se spesso il CEO è stato indicato come possibile candidato alla carica di Governatore della California (o, in alternativa, a un seggio per il Senato). L’attenzione dell’Amministratore Delegato, oggi, si sarebbe spostata verso la Casa Bianca.

La gestione di Iger alla Walt Disney, come saprete, ha portato all’acquisizione di marchi come Pixar, Marvel e Lucasfilm, creando vero e proprio “parco brand” che ha indubbiamente giovato al cash flow del gruppo. Al momento, non esiste ufficialmente un nome più quotato di altri come successore di Iger al ruolo di Amministratore Delegato (si è fatto saltuariamente il nome di Reed Hastings, attuale CEO di Netflix, ma si tratta ancora di semplici speculazioni). A febbraio dello scorso anno, Iger si era detto aperto all’idea di un prolungamento del proprio contratto di CEO, la cui scadenza naturale cade nel 2018. Se invece al termine del proprio mandato Iger si candidasse per i Democratici e se vincesse le primarie di partito, alle prossime elezioni potrebbero scontrarsi due uomini d’affari scesi in politica dopo una lunga carriera di stampo business.

L’Hollywood Reporter riporta inoltre che Iger, che non ha ancora sciolto alcuna riserva su una sua possibile candidatura, si sarebbe da poco consultato con Michael Bloomberg, che è stato sindaco di New York per 10 anni. Come dichiarato da Ellen Goldsmith-Vein del Gotham Group:

A prescindere da chi si candiderà nel 2020, mi aspetto che Hollywood scenda in campo a supporto di un candidato in maniera ancora più incisiva che nel 2016, dato il disappunto di gran parte dell’industria verso la presidenza Trump.

Naturalmente, la prossima campagna elettorale per la Casa Bianca è una pagina ancora da scrivere, ed è probabile che possano iniziare a delinearsi con più chiarezza i possibili candidati alla presidenza solamente dopo le elezioni di medio termine di questa amministrazione (nonché, nel caso di Iger, alla scadenza del proprio mandato di Amministratore Delegato).

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Fonti: Hollywood Reporter, IndieWire