Con un lungo e interessante articolo The Tracking Board chiarisce una volta per tutte le volte cos’è che ha spinto la 20th Century Fox a rimandare prima 10 mesi e poi di ulteriori 6 l’uscita di The New Mutants, il film sui Nuovi Mutanti diretto da Josh Boone.

La pellicola doveva in origine arrivare il mese prossimo, poi è stata rimandata al 22 febbraio 2019 e infine al 19 agosto 2019.

Stando alle fonti del sito, la proposta iniziale che il regista aveva fatto allo studio era un vero e proprio film horror, ma al momento di dare il via libera al film, la Fox dimostrò una certa riluttanza, ingaggiando un gruppo di sceneggiatori per attenuare le scene più spinte e spaventose (riducendo ad esempio l’uso di sangue). Lo studio ambiva infatti un film PG-13 che fosse un incrocio “tra John Hughes e Stephe King” e il co-sceneggiatore e regista accettò il compromesso.

Boone si ritrovò così a girare un film secondo le direttive dello studio.

Una cosa però cambiò tutte le carte in tavola: il grandissimo successo di It. Il film, arrivato nei cinema statunitensi a settembre dopo una riuscitissima campagna promozionale, convinse lo studio a montare un trailer che cercasse di fare leva sullo stesso pubblico della pellicola di Andy Muschietti. Il film era già stato accolto molto bene a una prima proiezione di prova (con un punteggio pari a quello del primo Deadpool), solo che dopo quel trailer il pubblico si aspettava un vero e proprio horror:

A quel punto la Fox decise che invece dei tre giorni di riprese aggiuntive inizialmente concordati, avrebbe invertito la rotta e girato una nuova versione del film molto più horror, decisamente più rispettosa della visione iniziale di Boone.

Alcune fonti sostengono che sebbene la seconda parte del film sia pronta, la prima necessita di molti ritocchi: Boone avrà la possibilità di premere l’acceleratore sulla dose di spavento, realizzando così il film che ha sempre voluto girare. La scarsa identità della pellicola – prosegue il sito – è da imputare alla mancanza di un produttore dalla visione chiara sul set visto che Simon Kinberg era occupato con la regia di X-Men: Dark Phoenix.

La poca chiarezza riguarda anche il futuro del franchise. La major aveva infatti scritturato in segreto John Hamm nei panni di Sinistro (la cui presenza era già stata preannunciata dalla scena dei titoli di coda di X-Men: Apocalisse); Boone aveva addirittura girato del materiale con l’attore (probabilmente una scena per i titoli di coda), ma alla fine lo studio cambiò idea dopo la fine delle riprese.

A comparire nei titoli di coda adesso dovrebbe esserci Antonio Banderas, ma non è chiaro quale cattivo sia stato chiamato a interpretare. Sinistro non è l’unico personaggio su cui la Fox nutriva dei dubbi: Warlock compariva nelle prime stesure dello script, ma fu poi rimosso perché “troppo costoso”-

Per concludere, le fonti del sito sostengono che il progetto non è in assoluto una “causa persa” e che la 20th Century Fox è decisa a prendersi il tempo necessario per regalare ai fan e al pubblico un prodotto più che soddisfacente.

Anya Taylor-Joy ha confermato le voci secondo cui nella storia sarà aggiunto un nuovo personaggio: il report di TTB non ne fa menzione, ma vi terremo aggiornati.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Nel cast del film sono presenti Anya Taylor-Joy (Magik), Maisie Williams (Wolfsbane), Charlie Heston (Cannonball), Henry Zaga (Sunspot), Alice Braga (Dr. Cecilia Reyes) e Happy Anderson (Reverendo Sinclair).

La 20th Century Fox ha sviluppato il film con Simon Kinberg alla produzione assieme a Lauren Shuler Donner, si tratterà di uno spin-off della saga degli X-Men. Boone si è occupato anche della sceneggiatura assieme a Knate Gwaltney.

I Nuovi Mutanti sono comparsi in una graphic novel Marvel del 1982, diventando poi un albo mensile nel 1983. Il team era composto da un gruppo di giovani aspiranti X-Men che frequentava la scuola di Charles Xavier e includeva Dani Moonstar, Sunspot, Wolfsbane, Cannonball, Karma, e in seguito avrebbe accolto Magik, sorella minore di Colosso, Warlock e Cypher.