Quando Edgar Wright ha lasciato la regia di Ant-Man a causa di divergenze creative, i Marvel Studios hanno subito puntato su Adam McKay (il cui sodalizio con Paul Rudd in varie commedie poteva tornare molto utile) per sostituirlo. McKay rinunciò, limitandosi a lavorare alla sceneggiatura insieme a Rudd e poi dedicandosi a La Grande Scommessa, per il quale ha ottenuto la nomination all’Oscar come miglior regista.

Intervistato da Josh Horowitz per il podcast Happy Sad Confused (via Collider) in occasione dell’uscita della satira Vice – L’Uomo nell’Ombra, McKay è entrato nel dettaglio dei motivi per cui non ha accettato di dirigere il cinecomic:

Mi avevano offerto Ant-Man, sì, sì. Sono molto amico di Edgar Wright, mi sembrava decisamente strano sostituirlo. Kevin Feige dei Marvel Studios accettò senza problemi la cosa, capì perfettamente. Allo stesso tempo, però, mi dissi: “Santo cielo, sono cresciuto con i fumetti della Marvel, voglio comunque fare qualcosa”. E così ho proposto di riscrivere il film insieme a Rudd. In quel modo avrei rispettato Edgar, aiutando Paul con la sceneggiatura, e alla fine abbiamo trovato la quadra. Rudd e io ci blindammo in una stanza d’albergo per tipo tre mesi, riscrivendo il film e divertendoci un sacco.

[…] È stato molto divertente lavorare con Feige. C’è un motivo per cui i Marvel Studios funzionano: hanno ottimi gusti. Avevamo scritto questa sequenza in cui Ant-Man combatte con uno degli Avengers (Falcon, ndt), e io ne parlai a Kevin: “Ho scritto questa scena assurda in cui… beh probabilmente non vorrai mai farla”. E lui invece mi rispose: “Beh, fammela leggere!” La lesse, e ne fu entusiasta: “È fantastica! La gireremo!” Tornerei subito a lavorare per loro, è stato un momento molto importante della mia carriera e mi fecero avere anche un poster gigantesco di Ant-Man firmato da Stan Lee… insomma, FINE! [ride]

McKay tornerebbe a lavorare subito per i Marvel Studios… ma non si sbilancia su Guardiani della Galassia 3, dopo il licenziamento di James Gunn:

Abbiamo parlato di possibili progetti. Abbiamo anche ragionato su qualche idea per Inhumans, a un certo punto. Penso che Feige sia il migliore e che stiano facendo qualcosa di incredibile. […] Penso stiano ragionando su qualcosa legato a Nova. Ma se c’è un personaggio sul quale vorrei lavorare, quello è Silver Surfer. Visivamente sarebbe… si potrebbe fare quello che le Wachowski hanno fatto con Speed Racer, a livello visivo, e allo stesso tempo c’è una storia emozionante nella quale il protagonista deve fare una scelta per salvare il suo pianeta. Sarebbe fantastico.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione