I Queen battono la Queen.

Anche se la Sunday Times Rich List, la speciale classifica dedicata ai e alle Paperone del Regno Unito, verrà diffusa integralmente la prossima settimana, è già emerso un dettaglio molto curioso. Grazie al successo di Bohemian Rhapsody, il biopic di Bryan Singer con Rami Malek, e alla relativa impennata negli introiti delle roialties, i membri superstiti della band hanno ora un patrimonio “di gruppo” superiore a quello di Elisabetta II.

Brian May, 71 anni, tocca quota 160 milioni di £, Roger Taylor, 69 anni, £155 milioni e John Deacon, 67, £130, per un totale di 445 milioni di sterline contro i 370 milioni di Sterline della Monarca. Bisogna chiaramente specificare che per stilare la chart, la la Sunday Times Rich List esclude le proprietà immobiliari e le collezioni d’arte, motivo per cui la sovrana è stata scalzata dalla prima posizione.

May, Taylor e Deacon, nel 2018, hanno guadagnato a testa 25 milioni di sterline grazie al solo Bohemian Rhapsody, anche se secondo alcuni insider, vista la diretta partecipazione dei musicisti come consulenti e produttori, la cifra potrebbe salire addirittura a 70 milioni di sterline pro capite. Deacon, come noto, non partecipa più alle attività pubbliche della band, ma resta in ogni caso detentore di un quarto della Queen Productions Limited. Mary Austin, ex fidanzata di Freddie Mercury rimasta sempre accanto al cantante anche dopo la rottura della loro relazione avvenuta per via dell’orientamento sessuale del leggendario artista, ha guadagnato ben 40 milioni di sterline grazie al lungometraggio. Ricordiamo infatti che è lei a detenere il 50% dei guadagni post-mortem di Mercury, con il restante 50% diviso a metà fra i genitori e la sorella del cantante.