Dopo aver partecipato a veri e propri cult entrati nella storia del cinema, aver vinto un Golden Globe, essere stato nominato all’Oscar, aver interpretato il villain in un film dei Marvel Studios e nel frattempo essersi dato anche alla boxe, Mickey Rourke da oggi può vantarsi di aver insultato Robert De Niro durante un programma di Barbara d’Urso.

L’attore infatti si è sbilanciato in quello che probabilmente è stato un fuori programma durante la prima puntata di Live Non è la d’Urso. Mentre andava in onda un montaggio dei suoi film più noti, Rourke ha svelato fuori onda di non sopportare la sua co-star in Angel Heart – Ascensore per l’Inferno. Successivamente la D’Urso gli ha chiesto di spiegare al pubblico il motivo, e l’attore ha iniziato a raccontare una serie di aneddoti sulle riprese del film di Alan Parker del 1987. Interrotto più volte dalla conduttrice, che palesemente non voleva sforare perché doveva passare rapidamente alla ricostruzione della celebre scena dello spogliarello di 9 settimane e 1/2 con l’aiuto di Ayda Yespica (sic), Rourke ha raccontato che quando andò a stringere la mano a De Niro all’inizio delle riprese, l’attore gli mandò a dire che sarebbe stato meglio non aver alcun contatto per via del rapporto che avrebbero avuto i loro personaggi nel film, “e in questo modo ferì i miei sentimenti”. In varie occasioni, poi, De Niro fece interrompere le riprese facendo dire a Rourke dal regista di non prendere iniziativa, correggendolo persino quando seguiva alla lettera la sceneggiatura.

Successivamente, Rourke ha definito De Niro uno “str**zo”:

Sono passati gli anni. Sei mesi fa ero completamente al verde, gli unici soldi che avevo erano quelli rimasti dai combattimenti in Russia, e li avevo spesi tutti. Martin Scorsese, il grande regista, voleva incontrarmi per un film con Al Pacino, Joe Pesci e Christopher Walken e Robert De Niro. Non ho fatto nulla, il mio manager ha chiamato la direttrice casting che le ha detto che De Niro aveva detto che si rifiutava di lavorare con me. Sono arrabbiato perché avevo bisogno dei soldi, ma il fatto è che non ha dimenticato cos’è successo 20 anni fa. Questo perché gli avevo insegnato qualcosa. […] Non ho fatto il film perché Scorsese ha ascoltato De Niro, hanno un rapporto molto stretto.

Non è chiaro di che film si tratti, di sicuro non The Irishman (anche perché Walken non è nel cast), forse Killers of the Flower Moon.

E dopo un inspiegabile momento di lacrime, Rourke ha pensato bene di concludere una delle pagine più trash della sua carriera urlando “fuck Trump“.

Trovate l’intero spezzone in questa pagina di Mediaset Online.

 

Consigliati dalla redazione