Questa sera, alle 21,30, Rai 3 trasmetterà Dogman, il film di Matteo Garrone uscito nelle sale il 17 maggio del 2018, dopo la presentazione avvenuta al festival di Cannes.

Il film è una coproduzione italo-francese a cui hanno preso parte la Archimede Films (casa di produzione dello stesso Garrone) e Le Pacte con Rai Cinema.

La storia, come noto, è ispirata a quella del canaro della Magliana, ovvero uno dei fatti di cronaca più efferati della storia italiana che, nel 1988, ha visto protagonisti il criminale Giancarlo Ricci e il toelettatore di cani Pietro De Negri.

Questa la sinossi:

In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l’unica legge sembra essere quella del più forte, Marcello è un uomo piccolo e mite che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toelettatura per cani, l’amore per la figlia Sofia, e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l’intero quartiere. Dopo l’ennesima sopraffazione, deciso a riaffermare la propria dignità, Marcello immaginerà una vendetta dall’esito inaspettato.

Noi di BadTaste abbiamo avuto la possibilità di chiacchierare a lungo con il regista di Dogman, Matteo Garrone, proprio in occasione del Festival di Cannes. Il filmmaker ci ha parlato di come è nato questo progetto, di quanto si distanzia dai fatti di cronaca legati alla vicenda del Canaro e altro ancora.

Se volete prepararvi al meglio a vedere (o, magari, a rivedere) Dogman di Matteo Garrone, vi riproponiamo la videointervista direttamente qua sotto:

 

 

Il film è stato inoltre il dominatore dell’edizione 2019 dei David di Donatello aggiudicandosi tra gli altri il premio come miglior film, miglior regista, migliore attore non protagonista e miglior sceneggiatura originale.

Trovate l’elenco integrale dei premiati in questo articolo.

Cosa ne pensate? Questa sera sarete davanti alla TV per vedere o rivedere Dogman di Matteo Garrone? Come al solito potete dire la vostra nello spazio dei commenti qua sotto!