Solamente qualche giorno fa, da Variety abbiamo appreso che, alla luce dei recenti avvenimenti, Armie Hammer è stato rimosso dal cast di Billion Dollar Spy, nuovo lungometraggio che Amma Asante (La ragazza del dipinto) dirigerà per la Walden Media.

L’attore avrebbe dovuto condividere lo schermo con Mads Mikkelsen nell’opera basata sulla storia vera di un ingegnere sovietico e un agente della CIA che rischiarono la loro vita per porre fine alla Guerra Fredda.

Oggi arriva l’addio dell’attore alla produzione teatrale firmata da Tracy Letts di The Minutes in cui sarebbe dovuto tornare per la stagione 2021-2022.

Ho adorato ogni secondo del mio lavoro fatto su The Minutes” ha commentato l’attore. “Ma al momento ho bisogno di concentrarmi su me stesso e la mia salute per amore della mia famiglia. Di conseguenza non tornerò a Broadway per la produzione“.

Tutto è nato dal ritorno a galla di alcuni presunti messaggi privati scambiati da Armie Hammer via social e alcune dichiarazioni estratte da vecchie interviste focalizzate sulle sue fantasie ed esperienze sessuali oltre il limite del concetto di fetish. I tabloid hanno dato molta visibilità a questo scandalo, spingendo diverse donne ad affermare di aver avuto scambi simili con l’attore.

Hammer non si è sbilanciato particolarmente sulla questione, pur rilasciando una dichiarazione a Deadline quando ha abbandonato il cast di Shotgun Wedding:

Non risponderò a quelle st**nzate ma, alla luce di questi attacchi online falsi e tendenziosi fatti contro di me, non me la sento, in buona coscienza, di lasciare i miei figli per quattro mesi per girare un film nella Repubblica Dominicana. Ho ricevuto il totale supporto della Lionsgate e sono estremamente grato alla compagnia.

Al momento l’attore è indagato per potenziale stupro da parte della polizia di Los Angeles.