“L’idillio” fra Netflix e la Disney è terminato. O, quantomeno, è destinato alla rottura.

È stato il CEO della Casa di Topolino Bob Iger ad annunciare, durante un incontro con gli azionisti avvenuto alla Bank of America Merrill Lynch 2017 Media, Communications and Entertainment Conference di Los Angeles, che quando la multinazionale dell’intrattenimento lancerà la propria piattaforma per la fruizione di film e serie tv in streaming, le pellicole della major abbandoneranno il catalogo Netflix.

Circa 500 film e qualcosa come 7000 episodi di show tv Disney saranno disponibili grazie alla nuova offerta online che il gigante del cinema ha intenzione di inaugurare nel 2019.

Iger ha specificato che la piattaforma proporrà l’intera proposta dell’azienda in materia di live action e animazione Disney, Pixar, nonché i film della Marvel e di Star Wars e che lo studio produrrà ogni anno dalle quattro alle cinque serie tv originali e tre, quattro film destinato direttamente alla fruzione in streaming (in maniera analoga a quanto fatto dalle concorrenti).

Il CEO non ha ancora rivelato i prezzi mensili dell’abbonamento rivelando che oltre a quella dedicata all’intrattenimento di fiction nel 2018 arriverà anche l’APP della ESPN destinata allo sport.