A cura di Sara Pergolini di Donwton Abbey Italian Fanpage

 

Ci sono molte ragioni per cui Downton Abbey ha avuto un così grande successo in tutto il mondo mondo, ma una di queste può sicuramente essere trovata nella vera star di punta della serie, l’intramontabile Maggie Smith, interprete di Violet Crawley.
Cinica e severa, ma dal cuore tenero, la Contessa Madre, ha sempre le parole giuste per ogni momento, sia che si tratti di sottolineare il fatto che lei, sostanzialmente, non sbaglia mai che di commentare con arguzia una situazione che a lei non va del tutto a genio.
In questo articolo abbiamo raccolto una serie di citazioni, una per stagione più un “bonus” tratto dal film in uscita giovedì, che mettono in mostra i vari aspetti di un personaggio sempre in lite con i tempi che avanzano.

 

Downton Abbey, sette memorabili battibecchi di Maggie Smith (Lady Violet)

 

1×03

Violet: Oh, mie care, ma è davvero accaduto? È una cosa incredibile!
Ieri sera aveva un così bell’aspetto, non poteva che accadere ad uno straniero. È tipico.
Mary: Non dire assurdità.
Violet: Non dico assurdità. A nessun inglese verrebbe mai in mente di morire in casa d’altri. Di perfetti sconosciuti oltretutto.

Non ci annoia mai a Downton Abbey!
Nel corso del terzo episodio della prima stagione, un fatto sconvolgente scombussola gli animi della casa: il giovane diplomatico turco, Kemal Pamuk, muore all’interno della tenuta.
Una Lady Violet turbata entra in scena subito dopo l’accaduto con una frase indimenticabile, che ha reso il suo personaggio famoso insieme al celebre “Che cos’è il weekend?”.

 

 

2×04

Mary: Deciditi nonna, prima dici che io sono troppo razionale, poi che Sybil non lo è abbastanza. Sei piena di contraddizioni.
Violet: Sono una donna, Mary, e posso avere tutte le contraddizioni che voglio.

Schietta e sincera, Violet non ha alcun problema nell’esprimere apertamente le sue opinioni anche se a volte possono sembrare crudeli. Cullandosi nel suo status aristocratico, si permette anche di poter essere contraddittoria in modo tale che, in un confronto, possa sempre averla vinta!

 

 

3×01

Violet: Sarò molto lieta di rivedere tua madre, Cora, quando sono con lei rammento le straordinarie virtù del popolo inglese.
Matthew: Ma non è americana?
Violet: Per l’appunto.

Fermamente ancorata alle tradizioni, la Contessa Madre fermerebbe volentieri il tempo che passa. Nella terza stagione l’arrivo di Martha Levinson per il matrimonio di Mary e Matthew, mette a dura prova la sua pazienza perché la madre di Cora è una donna smaccatamente americana, saccente…e moderna!

 

 

4×06

Isobel: Come detestate avere torto.


Violet: Non saprei, è una cosa di cui non ho esperienza.

Isobel e Violet Crawley provengono da due mondi opposti, in termini di visione del mondo. Se con il tempo il loro rapporto finisce per fortificarsi, non perdono mai occasione di battibeccare quando le loro convinzioni si contrappongono, soprattutto perché Violet è sempre poco disposta a mettere in discussioni le sue idee.

 

 

5×01

Violet: Di che vi lamentante, nessuno vi costringe a frequentarlo se non volete.
Isobel: Sì. Per voi è tutto semplice
Violet: Non vi è nulla di più semplice che evitare una persona sgradevole. Evitare un amico… questo si che è un po’ più complicato.
Isobel: Ma lui non è affatto sgradevole, anzi lo trovo simpatico. È che pretende da me qualcosa che non saprei dargli.
Violet: Vuole quello che vogliono tutti gli uomini.
Isobel: Oh, non siamo ridicole!
Violet: Io mi riferivo alla reciproca compagnia, cosa andate a pensare…

Lady Violet ha un’opinione su tutto anche sull’amore e gli uomini. Apparentemente materialista rispetto all’ambito delle relazioni umane, in passato anche lei si è fatta guidare dalle emozioni, come quando nella quinta stagione racconta del flirt con il Principe Kuragin.

 

 

6×03

Isobel: Il dottore sta rivedendo la sua posizione
Violet: Spero che sia solo una pia illusione della signora Crawley.
Dr. Calrkson: In tutta onestà non lo so. Ma una cosa così importante va ponderata più di una volta.
Violet: Ah Davvero?! L’esperienza mi insegna che la ponderazione è enormemente sopravvalutata.
Dr. Clarkson: Però non dobbiamo essere di strette vedute. Non si tratta solo della Signora Crawley e di Lady Grantham, anche Lord Merton è a favore di una riforma.
Violet: Un nobile a favore di una riforma, è come un tacchino a favore del Natale.

Uno dei temi centrali della sesta stagione riguarda l’assorbimento del piccolo ospedale di paese con quello di contea. Ancora una volta Lady Violet avvia una guerra, non solo contro Isoblel, ma contro tutti coloro che tentano di potarle via il potere che detiene.

 

 

Downton Abbey – Il Film

Lady Bagshaw: Quante stupidaggini dici.
Robert: Mamma, non c’è il benché minimo bisogno di litigare.
Violet: Io non litigo, semmai spiego.

Lady Violet ha sempre qualcosa di cui lamentarsi e basta guardare il trailer per capire nel film le cose non sono affatto cambiate. Che inizi la sfida tra Violet e Lady Bagshaw, cugina del defunto marito della Contessa Vedova e interpretata da Imelda Stounton!
Per vedere come andrà a finire tra le due, non vi resta altro che andare a vedere Downton Abbey al cinema a partire dal 24 Ottobre!

 

Ecco la sinossi:

Ritorniamo nella grande casa con gli ospiti più illustri che la famiglia Crawley avrebbe mai sperato di intrattenere, le loro Maestà Re Giorgio V e la Regina Maria. Con una sfavillante parata e una sontuosa cena da orchestrare, Mary, ora fermamente alle redini della proprietà, come capo di Downton affronta la più grande sfida del suo incarico.
La levatura dei visitatori crea scompiglio anche ai piani inferiori e nella macchina di solito ben oliata cominciano a formarsi delle crepe. Mary implora il pensionato Carson di ritornare alla casa, solo per questa volta, per supervisionare questo evento così importante, ma non tutto va come previsto. Il leale staff di Downton deve fare tutto il possibile per assicurare il successo e perché il luogo che sono così fieri di chiamare casa si presenti nella sua luce migliore.
Il Re e la Regina portano con loro una dama di corte la cui storia si dimostrerà esplosiva per i Crawley e per il futuro di Downton. L’arrivo dei reali non è però un coup per tutti: da ex irlandese repubblicano, le simpatie politiche di Tom Branson lo mettono nei guai. Traendo ispirazione dalla presa di posizione da repubblicano di Branson, Daisy inizia la sua propria rivolta nelle cucine e quando Thomas è costretto a fare un passo indietro per il ritorno di Carson, le sue debolezze durante il tempo libero appena trovato portano disgrazia.
Le sorelle superano questi scombussolamenti dell’ultim’ora come possono, ma quando il Re offre al marito di Edith, Bertie, un’opportunità unica e irripetibile, questo scatena un conflitto tra loro. Quando Violet rivela delle notizie sorprendenti, diventa chiaro che Mary debba prendere delle decisioni importanti per lei stessa, per la sua famiglia e per Downton Abbey.

Alla regia troviamo Michael Engler su uno script di Julian Fellowes. Brian Percival, regista dell’episodio pilota della serie, figurerà produttore esecutivo con Nigel Marchant.

Nel cast troveremo quasi tutti i protagonisti della serie: Hugh Bonneville, Laura Carmichael, Jim Carter, Brendan Coyle, Michelle Dockery, Kevin Doyle, Joanne Froggatt, Matthew Goode, Harry Hadden-Paton, Robert James-Collier, Allen Leech, Phyllis Logan, Elizabeth McGovern, Sophie McShera, Lesley Nicol, Penelope Wilton, e il premio Oscar Maggie Smith. Al cast originale si aggiungono Imelda Staunton, Geraldine James, Simon Jones, David Haig, Tuppence Middleton, Kate Phillips e Stephen Campbell Moore.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Per confrontarvi con altri appassionati della serie, vi segnaliamo la pagina Donwton Abbey Italian Fanpage.