Jean-Marc Vallée: il commovente memoriale di Denis Villeneuve e le precisazioni della famiglia sulle cause della morte

jean-marc vallee
Pochi giorni dopo la notizia dell’improvvisa morte di Jean-Marc Vallée, la famiglia ha rilasciato un comunicato ufficiale riguardo le cause della morte, che in un primo momento erano state attribuite a un attacco di cuore avvenuto mentre il regista si trovava da solo nella sua baita in Quebec.

Traduciamo il comunicato per voi:

Il primo rapporto del coroner ricevuto dalla famiglia non ha stabilito una causa esatta per l’improvvisa morte del regista Jean-Marc Vallée il 25 dicembre in Quebec, Canada. Tuttavia, il rapporto conferma che la sua morte non è stata causata dall’intervento di un agente esterno, un atto volontario o una malattia conosciuta. Sono in corso ulteriori analisi.

“Nostro padre era un uomo generoso, profondamente umano, che ha vissuto la sua vita a pieno,” ricordano i suoi due figli Alex ed Emile. “Voleva vivere una vita lunga e stava lavorando a grossi progetti! È stata una fonte di ispirazione per molti, e lascia straordinarie memorie per chi hanno avuto il privilegio di lavorare con lui, amarlo e apprezzare la sua arte.”

La famiglia ora si prenderà il tempo necessario per riprendersi da questa enorme e devastante perdita.

“Vogliamo ringraziare tutti quelli che hanno espresso la loro tristezza e compassione. Siamo molto grati per il sostegno ricevuto da tutto il mondo”.

Alex, Emile, la loro madre e la famiglia Vallée hanno diffuso questo comunicato e ora chiedono di rispettare la necessità di piangere la loro perdita in privato. Maggiori informazioni e dettagli su una cerimonia per celebrare la vita del regista verranno fornite in un secondo momento.

E come avrebbe detto Jean-Marc: “Stop, andiamo in stampa, grazie, ciao!”

Il regista del Quebec Denis Villeneuve ha poi pubblicato un lungo memoriale sull’Hollywood Reporter di cui vi traduciamo alcuni passaggi:

Jean-Marc Vallée amava la verità. Devo quindi iniziare mettendo in chiaro alcune cose.

Non sono l’amico più caro di jean-Marc Vallée. Eravamo fratelli molto competitivi che combattevano per l’attenzione di nostra madre, la Santa Provincia del Quebec. Jean-Marc continuava a dire che era più vecchio di me e che quindi dovevo rispettarlo. Era più in forma di me, più sexy di me, sapeva tutto della musica, era un principe, era una rock star. Era così Jean-Marc! Lo amavo e ammiravo profondamente. Non so cosa pensasse veramente di me. Sinceramente, penso di essere sempre stato il noioso fratellino che voleva giocare con le sue cose.

[…] A Montreal, dopo il suo successo internazionale, Jean-Marc è diventato un faro. Quello che mostrava la strada agli altri. Sapeva dove si trovavano le chiavi della macchina. Conosceva i passaggi segreti. Casa sua era aperta. Il suo tavolo era sempre pieno di cibo e vino buono. Alla fine della serata, ascoltavamo tutti le storie incredibili delle sue ultime avventure. Era un narratore fantastico. Jean-Marc era curioso, sapeva tutto di tutto. Amava condividere scoperte culturali. Era affascinato da nuovi artisti, amava la loro spinta, la loro ambizione, condivideva le loro vulnerabilità. Amava e capiva la giovinezza. Quell’età dove il mondo è ai tuoi piedi, divorata dal vorace appetito per il cambiamento. Jean-Marc era giovane. Era anche appassionato di rock & roll. Condivideva la sensualità, la sexyness, la malinconia e le grida del dolore interiore esposto di una rock star. Amava i ribelli.

Era un ribelle a sua volta. Era indomabile. Non ha mai seguito le regole di Hollywood. Hollywood alla fine si è adattata al suo modo di fare. Era la necessaria ventata di aria fresca nel letargico panorama cinematografico. Era un uomo senza compromessi. Puntava alla verità emotiva e all’autenticità della vita. Il suo cinema era incentrato sulle forze di gravità tra gli esseri umani e alle inevitabili collisioni di individui scagliati ad alta velocità mentre si evolvono nella prigione di un salotto. Il suo cinema era tutto sulla famiglia. La famiglia estesa, ricostruita, distrutta, esplosa, polverizzata. Le torture della famiglia, le rovine, la rinascita, i legami, l’amore, l’essenza dell’essenzialità. La fondamentale matrice del disorientamento umano e delle sue glorie.

[…] Era un genio e il suo cuore era una supernova.

Le mie sincere condoglianze alla sua famiglia, ai suoi amici e ai suoi colleghi.

Fonte: Deadline | THR

 

 

 

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.