È in un’intervista sul Los Angeles Times che il CEO della Warner Bros., Kevin Tsujihara, conferma la nuova direzione dell’Universo Cinematografico DC dopo il successo di Wonder Woman e Aquaman e l’insuccesso del crossover Justice League.

Sotto la supervisione di Walter Hamada, il “nuovo” DCEU continuerà a esistere ma con film connessi in maniera meno diretta e forzata: si lavorerà insomma su storie individuali, più che su una trama interconnessa:

I prossimi film Shazam, Joker, Wonder Woman 1984, Birds of Prey sembrano sul binario giusto. Abbiamo le persone giuste che lavorano nel modo giusto. L’universo non è così interconnesso come immaginavamo sarebbe stato cinque anni fa. C’è una maggiore attenzione alle esperienze individuali, intorno a personaggi singoli. Non significa che a un certo punto non torneremo a un universo più connesso. Ma sembra che sia la strategia giusta per ora.

[…] Ciò che ha fatto Patty Jenkins in Wonder Woman ci ha fatto capire cosa si può fare con personaggi che non sono Batman o Superman. Ovviamente, vogliamo che Batman e Superman rimangano al posto giusto, vogliamo realizzare dei film molto forti su di loro. Ma Aquaman è un esempio perfetto di ciò che possiamo fare. Ciascun film è unico e ha un tono differente.

Va sottolineato, comunque, che vi sarà una differenza tra film appartenenti all’Universo Cinematografico DC e film completamente estranei, come il Joker di Todd Phillips con protagonista Joaquin Phoenix.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!