È da oggi nei cinema italiani Resident Evil: Welcome to Raccoon City (LEGGI LA RECENSIONE), il lungometraggio prodotto dalla Sony che riporta in sala la ben nota saga ispirata ai celebri videogames della Capcom dopo i sei film interpretati da Milla Jovovich coi quali, naturalmente, non ha alcun legame narrativo di sorta.

Durante gli eventi stampa collegati alla promozione del moviegame, i vari talent coinvolti hanno potuto anche parlare del futuro del franchise dato che, come è logico attendersi, lo studio di Culver City mira chiaramente a dare vita a una nuova serie di pellicole. Tanto il regista del film, Johannes Roberts, quanto alcuni membri del cast hanno avuto modo di esprimere le loro idee nel corso di una chiacchierata con ComicBook. Cominciamo proprio dal regista che spiega:

Chiaramente l’idea è stata buttata lì. Credo però che, con queste cose, si debba sempre attendere come risponderà il pubblico e via discorrendo […] Ci sono un sacco di riferimenti, di easter egg che non devono necessariamente essere identici ai videogiochi. Non stiamo solo portando il gioco sul grande schermo, ma chiaramente quello che voglio è il vostro amore. A prescindere che poi il film vi piaccia o meno, voglio che si senta che è stato concepito secondo una certa logica. Che abbiamo abbracciato completamente. È quello che ho comunicato a tutti che volevo fare ed è quello che gradirei continuare a fare.

Sul dove potrebbe andare a parare un seguito, il filmmaker dice:

Sono ossessionato dal quarto capitolo. Ma amo anche Code: Veronica. Poi è leggermente di un differente universo, ma Resident Evil 7 è terrificante. C’è tanta roba interessante nella lore di questa saga. Potremmo anche ritrovarci, un giorno, a vedere Chris Redfield che prende a pugno un masso.

Robbie Amnell, interprete di Chris Redfield, aggiunge:

L’unica cosa che conta ora è che il film vada bene. Se accadrà, penso che il sequel si farà. La storia finisce con un sequel collegato. So che Johannes Roberts ha parlato di Code Veronica e Resident Evil 4 in quanto a giochi che vorrebbe adattare. Per quanto mi riguarda, amerei continuare a interpretare Chris, per me è un sogno che diventa realtà.

Kaya Scodelario, che veste i panni di Claire Redfield, pensa invece che:

È una considerazione che si farà poi. Noi puntavamo a far sì che questo fosse fatto con tutti i crismi, con quel giusto equilibrio di elementi survival horror che non abbiamo visto negli altri Resident Evil. E girare nel bel mezzo di una pandemia non è stato semplice. Ora però arriva la parte interessante, quella delle reazioni del pubblico. Che stanno arrivando e sembrano positive. Per quanto mi riguarda amerei tornare, Claire ha ancora molto da dare.

Qua sotto trovate le nostre interviste col cast del film:

 

 

 

Potete rimanere aggiornati su Resident Evil: Welcome To Raccoon City grazie ai contenuti pubblicati nella nostra scheda.

BadTaste è anche su Twitch!