Il matrimonio fra Lee Isaac Chung, regista di Minari, e il live action di Your Name è durato meno di un anno. La notizia dell’ingaggio del regista era arrivata lo scorso settembre, mentre, qualche ora fa, Deadline ha riportato in esclusiva che il filmmaker ha abbandonato la regia della pellicola.

Stando al magazine, l’accordo fra la Paramount, la Bad Robot di JJ Abrams e il regista è saltato per via di alcuni conflitti nell’agenda lavorativa di Lee Isaac Chung. A quanto pare, la Paramount e la Bad Robot, starebbero già attivamente cercando un rimpiazzo. Da ormai diverso tempo le due realtà citate stanno lavorando, insieme alla giapponese Toho, a una rivisitazione americana di Your Name, il film anime di Makoto Shinkai diventato in poco tempo un cult capace di incassare ben 357 milioni di dollari. Fino al 2019, il nome del regista che si sarebbe occupato di “tradurre” per il grande schermo la sceneggiatura di Eric Heisserer (ArrivalBird Box) fosse Marc Webb, già regista di 500 giorni insieme e dei due “sfortunati” The Amazing Spider-Man. Poi, appunto, nel settembre del 2019 era arrivata la notizia dell’ingaggio di Lee Isaac Chung (che, peraltro, avrebbe lavorato su una nuova stesura firmata da Emily V. Gordon).

Nella versione live action, una giovane nativa americana che abita in una zona rurale e un giovane di Chicago realizzano che, come per magia, i loro “corpi” si scambiano a intermittenza. Quando un disastro minaccia le loro vite, devono intraprendere un viaggio per incontrarsi e salvare il loro mondo.

A seguire trovate invece la sinossi ufficiale dell’anime:

È ormai passato un mese da quando sopra il Giappone è passata una cometa attesa da oltre mille anni. Mitsuha è una studentessa che vive in una piccola città rurale, il suo sogno però è quello di trasferirsi a Tokyo. Taki è uno studente di liceo che vive proprio a Tokyo, ha un lavoro part-time in un ristorante italiano ma il suo sogno è quello di lavorare nel campo dell’arte o dell’architettura. Una notte, Mitsuha sogna di essere un giovane uomo, ha nuovi amici e lo skyline di Tokyo si apre dinnanzi al suo sguardo. Nello stesso momento Taki, dal canto suo, sogna di essere una ragazzina che vive in una piccola città di montagna che non ha mai visitato! Qual è il segreto che si cela dietro questi strani sogni?

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!