Army Of The Dead, la recensione

Stavolta Zack Snyder ha nel mirino il Michael Bay di Armageddon e la banda eterogenea di sbandati in una missione mortale affrontata con scanzonato piacere. Lasciati per strada anche quei pochi ed economici riferimenti agli zombie tradizionali che caratterizzavano L’alba dei morti viventi ora Army Of The Dead è una visione nuova e originale. O almeno originale come lo può essere oggi un film di zombie con una sinossi molto molto vicina a quella del quasi contemporaneo e meno riuscito Peninsula (addirittura anche motivazioni e traumi del protagonista si sono già visti lì). Gli zombie sono tutti chiusi in una recintata Las Vegas, l’hanno invasa e i vivi hanno creato una barriera artificiale perché il contagio non si diffondesse. Sono anni che stanno là dentro e adesso il governo getterà l’atomica per chiudere la questione. Un miliardario giapponese contatta un manipolo di disperati (ma armati fino ai denti con un passato di lotta agli zombie) ...