Da un paio d’anni la Fondazione cinema per Roma e il MAXXI, con la collaborazione del Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte, Spettacolo della Sapienza Università di Roma, hanno creato il Video Essay Film Festival, la prima manifestazione che in Italia ne riconosce lo statuto di forma di produzione critica. A curarlo sono Mario Sesti e Andrea Minuz. Ogni anno una giuria assegna i premi e quest’anno abbiamo potuto partecipare, visionando i finalisti e assegnando un Premio Badtaste.it.

Il nostro vincitore (che è anche stato il vincitore del primo premio del festival) è Orange You Dead Yet di Edoardo Spallazzi. Il video si concentra sull’uso delle arance nella trilogia di Il padrino di Francis Ford Coppola, facendo un’ottima sintesi di tanti spunti, analisi e questioni diverse. In più, cosa rara, il video è asciutto, ben narrato e fa un ottimo uso delle immagini, non copre solo ma illustra, monta e le usa per parlare di esse stesse. Come parte del premio BadTaste, ve lo proponiamo qui in testa.

Gli altri vincitori del VEFF:

CONCORSO

Miglior Video Essay
ORANGE YOU DEAD YET di Edoardo Spallazzi

Miglior Video Essay per la forma
CORPI FUORI DI SÉ: IL DESIDERIO IN PEDRO ALMODOVAR di Elisa Chiari

Miglior Video Essay per il contenuto
BROKEN SOULS di Giuseppe Indagati

Menzione Speciale
STAIRS di Adele Insardà

Menzione Speciale
IL CINEMA NEL CIBO DI ALDO FABRIZI di Francesco Capuano

Miglior Video Essay Classic
In occasione dei cinquant’anni di Arancia meccanica di Stanley Kubrick, il VEFF ha deciso di invitare appassionati, studiosi, cinefili e allievi di scuole di cinema e di facoltà universitarie a esercitarsi con un video essay su uno dei maggiori capolavori del regista newyorkese.

L’ORRORE E IL DILETTO di Alberto Agnello