Su Apple TV+ è arrivata Dr. Brain, la prima serie coreana originale della piattaforma, e nel cast ci sono anche gli attori Seo Ji-hye e Lee Jae-won, che abbiamo avuto l’occasione di intervistare dopo il debutto dei primi episodi in streaming.

Lo show è tratto dall’omonimo webtoon, adattato dal regista Kim Jee-woon al suo debutto nel mondo delle serie televisive.
Al centro della trama c’è lo scienziato Sewon Koh (Lee Sun-kyun), un uomo che studia il cervello e alla nascita ha la capacità di ricordare ogni piccolo dettaglio ma non prova emozioni. Dopo una tragedia personale Sewon userà le sue scoperte scientifiche per risolvere il mistero legato a quanto accaduto alla sua famiglia.

Seo Ji-hye (Crash Landing on You) interpreta nello show il ruolo dell’agente Choi che inizia a indagare su Sewon dopo la morte di Junki, un uomo che era molto vicino alla moglie dello scienziato, ritenendolo un sospetto.
Lee Jae-won ha invece la parte di Namil Hong, il collega di Sewon che lo aiuta nella sua ricerca e diventa il suo unico amico, aiutandolo in alcuni momenti difficili della sua ricerca della verità.

Il rapporto tra Namil e Sewon è molto particolare essendo un’amicizia con un uomo che non prova emozioni, come ti sei avvicinato all’interpretazione? Ti sei basato sul webtoon da cui è tratta la serie?

Lee Jae-won: Ho valutato l’idea di vedere il webtoon prima di iniziare le riprese del film, ma ho esitato perché non volevo limitare la mia interpretazione, rimanendo troppo legato all’opera originale. Alla fine ho però deciso di vederlo. I primi due episodi erano gratis e poi si doveva pagare, quindi ho pensato che fosse un segno e ho deciso di non proseguire, affidandomi solo al mio istinto e alla mia visione del personaggio per la mia interpretazione.

La serie è un mix di generi diversi, come vi siete preparati al lavoro sul set?

Seo Ji-hye: Ogni scena che abbiamo interpretato è stata molto difficile, abbiamo dovuto provare a lungo e anche durante le prove abbiamo dovuto modificare il nostro stile di recitazione e le azioni in base a ciò che ci circondava, all’atmosfera e alla location. Abbiamo provato a lungo e abbiamo cercato di curare tutti i dettagli di ogni scena.

L’agente Choi, in particolare, è al centro di momenti ricchi d’azione e altri emotivamente di grande impatto. Quale è stata la scena più complicata da realizzare?

Seo Ji-hye: Per me è stato più complicato mettermi alle prove con l’azione e nell’ultimo episodio della stagione c’è una grandiosa sequenza che è stata una delle cose più difficili da interpretare, in particolare perché durante le riprese delle puntate precedenti mi ero infortunata. In più ho dovuto imparare a usare un’arma e come muovere il mio corpo nel modo giusto, quindi per me quella è stata la parte più difficile.