Welcome to Storybrooke, ovvero Attraverso lo specchio e quel che Regina vi trovò. Dopo lo sconvolgimento narrativo dell’ultima puntata, Once Upon a Time torna a riflettere su se stesso e sui nuovi equilibri da porre in gioco per il finale della seconda stagione. E lo fa affidandosi completamente al suo personaggio più rappresentativo: Regina. La crudele matrigna che si guarda allo specchio è uno dei momenti più iconici del mondo delle fiabe. Stavolta però quello specchio non è fatto di un materiale così tangibile come il vetro. È il riflesso dei ricordi, di ciò che fu e che poteva essere all’alba della nostra storia.

Cosa è veramente cambiato in 28 anni nell’animo di Regina? Apparentemente nulla, o questo almeno è quanto il continuo gioco di flashback e rimandi al presente ci vorrebbe suggerire, mostrandoci sempre quel personaggio tormentato, infelice, solo e desideroso d’amore che ben conosciamo. La maledizione è appena stata lanciata, e la nostra protagonista...