Ready Player One, il nuovo film diretto da Steven Spielberg basato sull’omonimo romanzo di Ernest Cline, sta per arrivare nelle sale cinematografiche italiane (e non solo).

Il lungometraggio, come il libro da cui prende le mosse, si svolge nel futuro prossimo, nell’anno 2045.

Un futuro che – come da tradizione sci-fi – pare essere una sconsolata e desolante previsione di quello che ci attende: una forbice sempre più marcata che separa i poveri dai ricchi con tutte le varie diparità sociali che ne conseguono, inquinamento ai massimi livelli, crisi energetiche, sovrappopolazione, economia in recessione e chi più ne ha, più ne metta.

Insomma, il mondo del 2045 fittizzio di Ready Player One pare quello dopato – e virato ulteriormente al peggio – raccontato da una qualsiasi prima pagina di un giornale del 2018.

L’unica valvola di sfogo per le brutture della quotidianità è data da OASIS, l’enorme, sterminato universo di realtà virtuale creato dal brillante ed eccentrico James Halliday (Mark Rylance). Un luogo dove tutto (o quasi) è possibile. A patto di avere le possibilità economiche di accedere a questa dimensione alternativa con le apparecchiature più all’avanguardia e… una disponibilità pecuniaria che non vede confine alcuno fra quello che sta dentro e fuori dal “gioco”. Perché il mondo di OASIS sarà pure virtuale, ma, col tempo, è diventato una macchina macina soldi in cui tutto ha un prezzo.

Wade Watts col pugno alzato. Come Judd Nelson nell’iconico finale di Breakfast Club.

Ed è quando il suo creatore James Halliday muore che comincia l’avventura per il protagonista Wade Watts (Tye Sheridan).

Ready Player One? Insert coin.

Sì, perché come un moderno Willy Wonka 3.0, Halliday ha elaborato una quest, un’avventura interattiva per riuscire a trovare il suo degno erede. Solo chi riuscirà a trovare l’easter egg lasciato dentro OASIS avrà diritto a ereditare tutto il suo patrimonio, OASIS incluso.

Wade è un diciottenne in perenne contrasto con la “vita vera” (nel libro è anche sovrappeso, particolare che il lungometraggio pare non aver ripreso), senza un dollaro, che vive in una specie di bidonville nella periferia di Oklahoma City, un distretto chiamato le “cataste”. Le abitazioni – se così vogliamo definirle – sono costituite da Roulotte e Camper accatastati – letteralmente – una sopra l’altro. Avrete già capito che gli inquilini di questo quartiere non navigano nell’oro e nelle comodità.

Ed è in mezzo a una di queste montagne di lamiere che Wade si è ritagliato, nel retro di un vecchio furgone, uno spazio tutto suo dove poter accedere, col nome di Parzival e un avatar decisamente più affascinante della sua controparte reale, a OASIS per mezzo di un visore e di guanti aptici che vivono al polo opposto rispetto al concetto di “ultramoderno”.

Il ragazzo è letteralmente “innamorato” di James Halliday, è il suo mito, il suo idolo indiscusso. Ha studiato a menadito tutte le ossessioni che appassionavano il geniale informatico, dai film di John Hughes a Dungeons & Dragons, passando attraverso una pletora di giochi e videogiochi degli anni ’80.

Ed è grazie alla sua profondissima conoscenza di Halliday che riesce ad avere un vantaggio nella ricerca della soluzione del gigantesca, colossale e pericolosa avventura post-mortem voluta da James Halliday.

Vantaggio che lo renderà un “sorvegliato speciale” tanto degli altri gunter quanto della Innovative Online Industries (IOI), una multinazionale estremamente interessata a impadronirsi di OASIS.

A qualsiasi costo.

Le cataste di Oklahoma City.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Ready Player One vede nel cast Tye SheridanOlivia Cooke (Samantha Evelyn Cook/Art3mis), Ben Mendelsohn (Nolan Sorrento), Simon Pegg (Ogden Morrow), T.J. Miller (iR0k), Win Morisaki (Daito), Philip Zhao (Shoto) e Mark Rylance (James Halliday).

L’opera scritta da Ernest Cline, ambientata nel 2045, descrive un pianeta Terra inquinato, sovrappopolato e privo di fonte energetiche. L’unico svago per la popolazione terrestre si trova in un universo virtuale chiamato OASIS.

Ecco la sinossi:

Nel 2045, anno in cui il mondo sta per collassare sull’orlo del caos, le persone hanno trovato la salvezza nell’OASIS, un enorme universo di realtà virtuale creato dal brillante ed eccentrico James Halliday (Mark Rylance). A seguito della morte di Halliday, la sua immensa fortuna andrà in dote a colui che per primo troverà un Easter egg nascosto da qualche parte all’interno dell’OASIS, dando il via ad una gara che coinvolgerà il mondo intero. Quando un improbabile giovane eroe di nome Wade Watts (Tye Sheridan) deciderà di prendere parte alla gara, verrà coinvolto in una vertiginosa caccia al tesoro in questo fantastico universo fatto di misteri, scoperte sensazionali e pericoli.

Prodotto da Warner Bros. Pictures, Village Roadshow Pictures e DreamWorks Pictures, Ready Player One vede alla produzione Donald De Line (con la sua De Line Pictures), Dan Farah e Kristie Macosko Krieger. Bruce Berman figura come produttore esecutivo.

L’uscita è prevista per il 28 marzo 2018.

Consigliati dalla redazione