Nonostante i colloqui di “pace” tra Netflix e il Festival di Cannes siano in corso da qualche tempo, sembra che non si arriverà a una soluzione positiva prima dell’edizione 2019. Variety, dopo un report di IndieWire di qualche settimana fa, conferma che il gigante dello streaming non porterà nessun film in Concorso per il secondo anno consecutivo. Questo significa che The Irishman di Martin Scorsese non verrà presentato al Festival (e nemmeno pellicole come The Laundromat di Steven Soderbergh o The King di David Michod). In particolare, nel caso della pellicola di Scorsese il motivo è dovuto al fatto che non è ancora pronta: la post-produzione è molto lunga e complessa e nonostante il direttore di Cannes Thierry Fremaux abbia molto insistito con Scorsese per mostrare il suo film sulla Croisette, probabilmente saranno i Festival autunnali a ospitare la premiére del kolossal da 140 milioni di dollari di budget (Venezia in primis, ovviamente, che ha il merito di aver lanciato Roma di Alfonso Cuarón, ma il New York Film Festival non è da sottovalutare).

I problemi tra Netflix e Cannes sono iniziati nel 2017, quando la presenza di Okja e The Meyerowitz Stories in Concorso ha causato la dura reazione degli esercenti francesi (che si oppongono alla riduzione delle finestre distributive imposta dal colosso dello streaming, in Francia i film non possono uscire in streaming prima di tre anni dall’uscita in sala). Il Festival ha quindi inserito, nel 2018, una regola secondo cui i film in Concorso dovevano uscire nelle sale francesi rispettando le finestre, e Netflix ha deciso di abbandonare la kermesse (nonostante la regola non si applichi ai film fuori concorso o alle sezioni parallele).

La 72esima edizione del Festival di Cannes si terrà tra il 14 e il 25 maggio, Alejandro G. Iñárritu sarà il presidente della giuria del Concorso.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

 

Consigliati dalla redazione