Sony lancia PlayStation Productions per produrre film e serie tv dei propri franchise videoludici

Sony Interactive Entertainment ha lanciato PlayStation Productions, una casa di produzione cinematografica e televisiva che sarà dedicata interamente agli adattamenti per il piccolo e grande schermo delle oltre 100 proprietà intellettuali videoludiche della compagnia.

A dare la notizia l’Hollywood Reporter, che sottolinea come siano già stati aperti gli uffici di produzione presso gli studi Sony a Culver City, e che attualmente la casa di produzone sia al lavoro su adattamenti di Metal Gear Solid, Uncharted, God of War e The Last of Us per la TV o il cinema.

Alla guida della casa di produzione ci sarà Asad Qizilbash, con la supervisione di Shawn Layden, chairman della divisione worldwide studios presso la SIE:

Invece di concedere le licenze delle nostre proprietà intellettuali ad altri studios, riteniamo sia migliore occuparci da soli di sviluppo e produzione. Primo, perché conosciamo meglio il materiale originale, secondo perché sappiamo cosa ama la comunità PlayStation.

A distribuire i nuovi prodotti sarà Sony Pictures.

In passato sia Ubisoft che Activision/Blizzard hanno aperto divisioni produttive per occuparsi direttamente degli adattamenti dei loro prodotti, ottenendo però risultati poco soddisfacenti sul piano della critica e del pubblico (Assassin’s Creed e Warcraft – L’Inizio). Sony ritiene di poter avere un approccio molto diverso, anche e soprattutto grazie al fatto che farà tutto “in house”, inclusa la distribuzione:

Nell’ultimo anno e mezzo, o due anni, abbiamo passato il tempo cercando di capire l’industria, parlando con sceneggiatori, registi, produttori. Abbiamo parlato con Lorenzo di Bonaventura e Kevin Feige per capire veramente come funziona l’industria. Abbiamo guardato al lavoro fatto dalla Marvel con i fumetti, trasformandoli nel prodotto cinematografico più grande al mondo. Sarebbe un grande obiettivo poter dire di seguire le loro orme, ma senza dubbio possiamo dire che loro saranno la nostra ispirazione.

Le cose dovrebbero essere più facili ora, rispetto a qualche anno fa, perché “molti filmmaker sono anche giocatori”:
Guardando i vecchi adattamenti, è chiaro che lo sceneggiatore o il regista non capivano quel mondo, o il concetto di videogioco. La sfida vera è: come traduciamo 80 ore di gameplay in un film? La risposta è: non si può fare. Dobbiamo scrivere per il pubblico cinematografico, non dobbiamo cercare di raccontare il gioco in un film. […] Vogliamo anche creare l’opportunità, per i fan dei nostri franchise, di avere maggiori punti di contatto con essi. Alcuni fan giocano 40-50 ore e poi devono aspettare tre, quattro anni per un nuovo episodio. Vogliamo dare loro dei posti dove andare e aggiungere qualcosa alla loro esperienza.

PlayStation Productions si prenderà il giusto tempo per sviluppare nuovi progetti, senza alcuna fretta:

Non abbiamo il mercato che ci fa fretta. Non dobbiamo distribuire per forza X titoli in un anno. Nulla di tutto questo. La casa madre è molto accomodante nei confronti delle nostre ambizioni, l’obiettivo è far crescere tutto questo in maniera ragionata.

Cosa ne pensate? Quale videogioco Sony sperate di vedere presto al cinema o in tv? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.