Bong Joon-ho è noto per realizzare storyboard molto completi di tutti i suoi film prima di iniziare le riprese: così è stato anche per Parasite. Gli storyboard sono dei disegni che permettono di previsualizzare ogni scena di una pellicola, quanto più sono precisi e dettagliati tanto più efficenti si potrà essere in fase di riprese.

Negli storyboard del film vincitore dell’Oscar è stata raffigurata praticamente ogni inquadratura, e questo è uno dei motivi per cui è stato possibile limitare le riprese a poco più di due mesi di durata.

Il montatore Vashi Nedomansky (L’ultima discesa, The Good Doctor) ha realizzato un piccolo video che mette a confronto alcuni degli storyboard di Bong (a maggio uscirà una graphic novel che li conterrà tutti) e le relative scene del film. Potete vederlo qui sotto!

 

 

parasite-graphic-novel

Parasite, la sinossi ufficiale del film di Bong Joon-ho:

I quattro membri della famiglia di Ki-taek sono molto uniti, ma anche molto disoccupati, e hanno davanti a loro un futuro incerto. La speranza di un’entrata regolare si accende quando il figlio, Ki-woo, viene raccomandato da un amico, studente in una prestigiosa università, per un lavoro ben pagato come insegnante privato. Con sulle spalle il peso delle aspettative di tutta la famiglia, Ki-woo si presenta al colloquio dai Park. Arrivato a casa del signor Park, proprietario di una multinazionale informatica, Ki-woo incontra la bella figlia Yeon-kyo. Ma dopo il primo incontro fra le due famiglie, una serie inarrestabile di disavventure e incidenti giace in agguato.

“Storia di inganni e servi astuti, di raggiri scaltri e nere conseguenze per quelli che sembrano essere i più furbi. Parte come una commedia sofisticata, tutta trovate geniali (la casa in cui vive la famiglia povera, la professionalità con cui scroccano il wifi all’inizio), prosegue come un thriller e finisce come una tragedia greca”: così il nostro Gabriele Niola ha descritto Parasite nella sua recensione dalla Croisette. Nel cast Song Kang-ho (che ha già lavorato col regista nelle sue precedenti opere Memories of Murder, The Host e Snowpiercer), Lee Sun-kyun e Jo Yeo-jeong.