Le riprese del prequel di Hunger Games, il nuovo film basato sul nuovo romanzo di Suzanne Collins, Ballata dell’usignolo e del serpente, cominceranno l’anno prossimo.

La notizia arriva da una riunione con gli azionisti tenuta da Joe Drake, presidente del Lionsgate Motion Picture Group.

Stando a Drake, la produzione partirà nella “prima metà” dell’anno prossimo e l’uscita sarà fissata tra fine 2023 e inizio 2024. “Sta procedendo a gonfie vele la pre-produzione” ha commentato.

Ricordiamo che Francis Lawrence tornerà dietro la macchina da presa per dirigere l’adattamento cinematografico del romanzo arrivato in libreria il 19 maggio 2020 con Mondadori.

Il protagonista è un giovane Coriolanus Snow, colui il quale diventerà il vero antagonista della saga di Hunger Games ma che in questa storia ha solo 18 anni e viene scelto come mentore dei decimi Hunger Games per una giovane ragazza del Distretto 12, la futura casa di Katniss Everdeen.

Ecco la sinossi:

È la mattina della mietitura che inaugura la decima edizione degli Hunger Games. A Capitol City, il diciottenne Coriolanus Snow si sta preparando con cura: è stato chiamato a partecipare ai Giochi in qualità di mentore e sa bene che questa potrebbe essere la sua unica possibilità di accedere alla gloria. La casata degli Snow, un tempo potente, sta attraversando la sua ora più buia. Il destino del buon nome degli Snow è nelle mani di Coriolanus: l’unica, esile, possibilità di riportarlo all’antico splendore risiede nella capacità del ragazzo di essere più affascinante, più persuasivo e più astuto dei suoi avversari e di condurre così il suo tributo alla vittoria. Sulla carta, però, tutto è contro di lui: non solo gli è stato assegnato il distretto più debole, il 12, ma in sorte gli è toccata la femmina della coppia di tributi. I destini dei due giovani, a questo punto, sono intrecciati in modo indissolubile. D’ora in avanti, ogni scelta di Coriolanus influenzerà inevitabilmente i possibili successi o insuccessi della ragazza. Dentro l’arena avrà luogo un duello all’ultimo sangue, ma fuori dall’arena Coriolanus inizierà a provare qualcosa per il suo tributo e sarà costretto a scegliere tra la necessità di seguire le regole e il desiderio di sopravvivere, costi quel che costi.