Disney aveva proposto a Raven-Symoné di far diventare il personaggio di Raven lesbica all’interno dello show sequel/reboot A casa di Raven.

L’attrice lo ha rivelato in un’intervista con il podcast PRIDE, spiegando anche il motivo per cui ha rifiutato la proposta:

C’è stata una conversazione prima dell’inizio della serie e mi è stata posta la domanda: “Vorresti che Raven Baxter fosse lesbica?” E io ho risposto di no. Ho detto no. Il motivo per cui ho detto di no non era perché non ero orgogliosa di chi fossi, o perché non volessi rappresentare in alcun modo la comunità LGBTQ+. Era perché Raven Baxter è Raven Baxter. E Raven Baxter è un personaggio che ero orgogliosa di interpretare, anche se è eterosessuale, cisgender – non mi dispiace – lasciatele avere il suo momento.

Symoné non voleva quindi snaturare il personaggio, facendole cambiare orientamento sessuale senza un motivo, e ha preferito mantenere intatto il ruolo della serie classica. Sempre nella stessa intervista, l’attrice ha dichiarato che molti la vedono come il suo personaggio Disney e che preferisce essere diversa da quello che è nella realtà.

Le stagioni di A casa di Raven sono disponibili su Disney+.

Lo show vede come protagonista Raven-Symoné ora divorziata a madre di due gemelli. Quando uno dei figli di Raven dimostra di avere come la madre la capacità di prevedere il futuro la loro situazione diventa ancora più complicata.

Fanno parte del cast anche Anneliese van der Pol nel ruolo di Chelsea Daniels, Issac Brown e Navia Robinson in quelli dei figli di RavenBooker e Nia. Jason Maybaum interpreta invece Levi, il figlio di Chelsea. Sky Katz è infine Tess, la migliore amica di Nia.

La serie è stata sviluppata da Scott Thomas e Jed Elinoff e creata da Michael Poryes e Susan Sherman.

Fonte: Screen Rant