Il compositore della colonna sonora di Serenity, David Newman, ha spiegato di essere convinto che Firefly e il film avrebbero avuto un successo più grande se, all’epoca del debutto sugli schermi televisivi, fossero esistite le piattaforme di streaming.

La serie creata da Joss Whedon con star Nathan Fillion era stata cancellata da Fox dopo la messa in onda di soli 11 episodi e, nel 2005, era quindi stato prodotto il film sequel Serenity.

Newman, intervistato da ScreenRant, ha spiegato:

Abbiamo finito il lavoro, siamo andati a una premiere, e c’è stato un grande party alla Universal, e poi non ha avuto semplicemente abbastanza successo ai box office. Ed è un peccato perché è un film fantastico, è davvero buono. Penso sia divertente, entusiasmante, cerebrale, interessante, e ci sono realmente delle performance notevoli. L’interpretazione di Summer Glau è grandiosa.

L’artista ha aggiunto:

Penso che il film abbia un po’ anticipato i tempi. Ora sarebbe probabilmente una serie estesa su Apple o Netflix, che è probabilmente come l’aveva inizialmente ideata Joss, come un’altra stagione di Firefly. Posso immaginarla avere dei risultati incredibili su una piattaforma come Apple TV+ se dovesse uscire oggi.

Il compositore ha lodato l’evoluzione compiuta nel settore delle serie tv che ora hanno degli effetti speciali di livello e sono all’altezza dei film, pur essendo composta da episodi. David ha dichiarato:

Penso sia come un romanzo. Può espandersi in varie direzioni, mentre un film è realmente una storia breve. Alcune persone sono davvero brave con i racconti brevi, ma devono attirare la tua attenzione immediatamente, deve essere su un evento grande e non può realmente espandersi. Quando ci sono molti personaggi e proviene da una serie, è difficile da farlo. Nel momento in cui è arrivato il film nelle sale, prima che arrivassero le piattaforme di streaming e tutto il resto, forse ha sofferto per quel motivo.

Che ne pensate? Firefly avrebbe successo su una piattaforma di streaming?

Vi ricordiamo infine che trovate BadTaste anche su TikTok.

Fonte: ScreenRant