Loki ha gettato le basi per la storia raccontata in Doctor Strange nel Multiverso della Follia, nelle sale italiane da oggi, e la conferma è arrivata grazie a Kevin Feige, a capo dei Marvel Studios.
Il produttore ha spiegato:

C’è sempre un metodo alla follia anche nel multiverso e i fan della Marvel sanno che Loki e Sylvie hanno fatto qualcosa alla fine di quella serie che in un certo senso ha permesso che tutto questo fosse possibile. Colui che Rimane è scomparso e quello ha permesso che un incantesimo andasse storto in Spider-Man: No Way Home, fatto che conduce al multiverso che impazzisce un po’.

Sylvie, nel finale della prima stagione, ha infatti deciso di uccidere Colui che Rimane, causando così problemi con il multiverso, situazione che la TVA non riesce a contenere e controllare.

Feige ha ora dichiarato:

Questo film è assolutamente un sequel del primo Doctor Strange, ma anche di Infinity War ed Endgame, e di WandaVision. E quello ci permette di avere un cast fantastico, storie incredibili e Sam Raimi che unisce tutti gli elementi insieme.

Nel film, oltre al protagonista Benedict Cumberbatch, ci sono anche Elizabeth Olsen nella parte di Wanda Maximoff/Scarlet Witch, Rachel McAdams che interpreta Christine Palmer, Patrick Stewart nei panni del Professor Charles Xavier, Xochitl Gomez nel ruolo di America Chavez, e Chiwetel Ejiofor che è Baron Mordo.

Che ne pensate del legame tra Loki e Doctor Strange nel Multiverso della Follia? Lasciate un commento!

Potete rimanere aggiornati sulla serie con star Tom Hiddleston grazie ai contenuti pubblicati nella nostra scheda.

Fonte: ComicBook