Vikings si concluderà con gli episodi della sesta stagione e il creatore della serie, Michael Hirst, ha spiegato i motivi per cui la storia saluterà i suoi fan con i prossimi episodi.
Lo sceneggiatore e produttore ha rivelato a GameSpot:

Sapevo, in generale, la direzione in cui stava andando la storia. Ed era davvero soddisfacente, facendoci arrivare a capire che sarebbe stata l’ultima stagione. Ho provato inoltre la sensazione di aver detto tutto quello che dovevo dire sui vichinghi, sapete? Ho iniziato ed ero affascinato dalla loro cultura e da ciò in cui credevano, e volevo ribaltare tutti questi pregiudizi e stereotipi su di loro.

Hirst ha quindi aggiunto:

E poi mi sono innamorato di questi personaggi principali. Spesso le mie giornate e le mie notti, per sette anni, sono state piene di pensieri su Vikings. Scrivevo fino a mezzanotte, facevo il pendolare con l’Irlanda ogni settimana. Era arrivato il momento di concludere la saga.

Lo sceneggiatore ha proseguito:

Dovevo dare alle varie parti della storia una conclusione soddisfacente, che non sembrasse falsa in nessun modo. E ho provato la sensazione che se potevo ideare dei finali che mi soddisfassero e sembrassero giustificati, allora gli spettatori avrebbero provato la stessa sensazione perché amo così tanto questi personaggi ed è stato davvero importante per me.

Il creatore di Vikings ha concluso dichiarando:

Ovviamente è stato profondamente emozionante perché significava uccidere alcuni dei miei personaggi preferiti. L’intera ultima stagione, in particolare gli ultimi 10 episodi, sono stati davvero emozionanti e ho perso molte ore di sonno. Ma c’è stato anche un elemento di sollievo nell’arrivare alla fine.

Che ne pensate delle spiegazioni di Michael Hirst sui motivi per cui Vikings doveva concludersi con la sesta stagione? Lasciate un commento!

Potete rimanere aggiornati sulla serie grazie ai contenuti pubblicati nella nostra scheda.

Fonte: ComicBook