Nonostante quello che può sembrare da una prima occhiata, For All Mankind non è una serie incentrata sull’esplorazione del cosmo. Abbiamo avuto modo più volte di ragionare insieme a voi su come lo show voluto da Ronald D. Moore, Matt Wolpert e Ben Nedivi sia fortemente incentrato sulla componente psicologica dei vari protagonisti, su come lo spazio non sia altro che un riflesso della mente dell’uomo, con tutti i pregi e i difetti del caso. Ebbene, anche con queste premesse For All Mankind continua a stupirci, portando in scena tematiche e situazioni estremamente profonde, ma trattate con una naturalezza che ha dell’incredibile.

La prima stagione dello show era incentrata sulla corsa allo spazio, con relativo atterraggio sul suolo lunare. La seconda, invece, si è focalizzata sulla preservazione di quel territorio, con relativa sfida tra Stati Uniti e...