Sin dal pilot di Loki è chiaro che il viaggio non sarà semplice, e nemmeno lineare. Già con Avengers: Endgame la Marvel aveva creato alcuni grattacapi spazio temporali, abilmente superati con ellissi narrative. Uno di questi, il più pressante, è come abbia fatto Steve Rogers a riportare tutte le gemme al proprio posto, compresa quella liquefatta e la gemma dell’anima, una delle più misteriose e metafisiche.

Proprio questa seconda gemma dell’infinito è al centro di una teoria proposta da The Wrap secondo cui, per quello che abbiamo visto fino ad ora, Loki avrebbe gettato le basi per una possibile resurrezione futura di Natasha Romanoff, aka Black Widow. Un’eventualità che, al di là dei desideri dei fan e delle speculazioni, si dovrà scontrare anche con l’avanzare dell’età di Scarlett Johansson, oltre che con i contratti in scadenza. Non c’è da contarci troppo, insomma, calcolando anche che Loki ha solo iniziato a porre le basi e le regole imposte dalla Time Variance Authority.

Quello che sappiamo fino ad ora è che esiste una linea temporale sacra che va preservata dalla TVA eliminando le varianti che (consapevolmente o meno) deviano dal flusso principale. In passato era esistito un multiverso e ora, probabilmente, non esiste più, essendo ricondotto ad una unicità. Ogni fuga dalla linea sacra apre però, come già spiegato dall’Antico, una nuova ramificazione. 

Il fatto che esista una sola successione temporale preservata dalla TVA implica che l’agenzia stessa controlli il destino di tutti i viventi (non c’è libero arbitrio nel mondo Marvel?). Gli Avengers che viaggiano nel tempo era un qualcosa che doveva accadere per la conservazione della timeline. Loki che prende il tesseract e sfugge al suo arco narrativo no. Ora, il fatto che il Dio dell’Inganno non sia stato eliminato come variante, è già un’eccezione alla regola che rende difficile spingersi troppo in là con le teorie. 

Tutto ciò che è accaduto durante il furto delle gemme è quindi predeterminato, così come la morte di Natasha. Una nota importante, che sottolinea l’attore della teoria: non è stato l’atto di rubare le gemme che ha creato nuove timeline, ma l’atto di viaggiare nel tempo. Così come in Loki il problema non è che possieda il tesseract, ma che sia scappato dal suo destino.

Allora il compito di Steve di riportare le gemme al proprio posto non ha impedito la creazione di altre timeline. E qui potrebbe intervenire la TVA, rimuovendo tutte le varianti generate durante Endgame, compresa quella in cui Black Widow si sacrifica.

Se la TVA ha aiutato Steve nella sua missione (cosa molto probabile), questo potrebbe spiegare anche la presenza delle gemme dell’infinito nel cassetto degli uffici amministrativi. Per ogni realtà rimossa a annichilita rimarrebbero intatte solo le gemme in quanto oggetti cosmici ancora più antichi dello spazio stesso. Insomma, entità che vivono oltre il tessuto spazio-temporale, poi prese proprio dalla fine di queste linee temporali alternative e conservate dalla TVA. 

Ma, si fa notare nell’articolo, Black Widow morta su Vormir non è una variante come Loki. Quindi la sua condizione è radicalmente diversa. Non per forza è stata eliminata dalla TVA insieme alla realtà alternativa.

Inoltre: in Endgame si suggerisce che la gemma dell’anima contenga in sé un universo (quello visitato sia da Thanos con Gamora che da Tony). Le persone che si sacrificano per avere la gemma dell’anima finiscono al suo interno, sembra suggerire la scena. Quella che contiene Gamora è però stata distrutta, mentre quella con Natasha potrebbe essere proprio tra le pietre raccolte dalla TVA. Che Natasha viva ancora all’interno di una di quelle che, se attivate, potrebbero riportarla in vita?
L’arrivo di Black Widow pochi giorni dopo Loki potrebbe fare immaginare un legame tra la serie e il film.

C’è però da dire che, nonostante questa teoria sia affascinante, l’uscita del film solista sulla Vedova Nera era programmato molto prima di Loki, poi rimandato a causa della pandemia. E non è neanche certo il funzionamento della gemma dell’anima e i mondi che può creare se non attraverso deduzioni e salti logici. Sono ipotesi che richiedono quindi un po’di sospensione dell’incredulità e che difficilmente troveranno riscontro nei fatti. Soprattutto se si considera l’impostazione “chiusa” delle serie tv Marvel fino ad ora. Loki farà eccezione?

Fonte: The Wrap