C’è un immaginario inedito che, negli ultimi anni, si è fatto strada tra i videogiochi, ed è quello polacco. In tal senso, un contributo importante viene dalla serie di The Witcher di CD Projekt RED, che con il terzo capitolo del 2015 consolida l’epopea di Geralt di Rivia come una delle più iconiche tra quelle videoludiche. Una tendenza che trova riscontro anche tra le ultime uscite, come The Medium di Bloober Team.

 

 

L’horror in esclusiva Microsoft ha per protagonista Marianne, una giovane sensitiva dal passato poco chiaro. La sua è un’intricata storia basata sul dualismo tra il mondo dei vivi e quello degli spiriti. Il tutto raccontato in una cornice incredibilmente suggestiva che è la Polonia del 1999. Nello specifico, Cracovia.

 

the medium polonia

 

Della città polacca abbiamo un pittoresco spaccato nelle prime sequenze, con la statua equestre del re Ladislao Jagellone e il monumento ai cadut...