Lo abbiamo fatto. Abbiamo alterato le inquadrature del trailer per proteggere i segreti del film. […] È impossibile usare materiale direttamente dal film, perché ci sono così tante piccole sorprese che bisogna per forza celare. Ci sono inquadrature non presenti nel montaggio finale che abbiamo messo nel trailer per dare comunque qualcosa ai fan. Perciò potrebbero esserci scene che amate nei trailer non presenti nel film” – Joe Russo in un’intervista con ET Online.

Era già successo con Guardiani della Galassia Vol. 2, con Spider-Man: Homecoming e con Thor: Ragnarok, ma Avengers: Infinity War porta tutto su un altro livello confermando la nuova “tradizione” dei Marvel Studios. Parliamo della tendenza ad alterare volutamente sequenze della campagna marketing per tutelare gli spettatori e di inserire (e puntare su) sequenze che non sono nel film, arrivando perfino a utilizzare ciak alternativi.

I fratelli Russo nel corso della promozione hanno ammesso di aver tagliato dal film una grande quantità di materiale da Infinity War, ma che di “meritevoli di essere visti dai fan” ci saranno solamente 10 minuti circa nell’edizione home video in arrivo questa estate.

Passiamo dunque in rassegna tutte le sequenze in questione.

***

L’inquadratura più rappresentativa in assoluto del nuovo modus operandi di cui abbiamo appena parlato è decisamente la carica di Wakanda. Si tratta del “money shot” di tutta la promozione, dell’inquadratura su cui i Marvel Studios hanno maggiormente puntato, una situazione creata ad hoc, capace di generare hype e di svolgere quindi la sua funzione.

Nella foresta alla fine del film, infatti, vediamo soltanto i Vendicatori – uno alla volta – scagliarsi contro Thanos (e non tutto l’esercito come si vede nell’immagine), senza contare che non assistiamo mai ad un momento che li raggruppi tutti insieme in un’ultima, disperata corsa. Nell’inquadratura “alterata” c’è addirittura Hulk sullo sfondo, cosa impossibile nel film visto che Banner non riesce più a trasformarsi nel gigante verde una volta sulla Terra.

Il merchandise del film tra l’altro alludeva alla possibilità che Hulk fuoriuscisse dalla Hulkbuster, ma capita spesso che giocattoli e set LEGO inventino situazioni di sana pianta.

 

Thor

Il caso di Thor è particolarmente emblematico. Se durante la promozione del film di Taika Waititi – Ragnarok – l’attore compariva con entrambi gli occhi anche in sequenze in cui non avrebbe dovuto, nel caso del film dei fratelli Russo è successo esattamente l’opposto.

A un certo punto nel film Rocket regala al Dio del Tuono un altro occhio, perciò in tutta la missione verso Nidavellir il figlio di Odino appare di nuovo senza benda. Per non rivelare il “colpo di scena” gli addetti agli effetti visivi si sono preoccupati di aggiungere la benda a tutte le sequenze da mostrare nei trailer. Encomiabile.

Thor, Rocket e Groot sono inoltre i protagonisti di una sequenza interamente tagliata dal montaggio finale ma molto presente nella martellante promozione. Si tratta del momento in cui il Dio del Tuono afferra la Stormbreaker – la sua nuova arma – e si “trasforma” tornando ad indossare l’iconico costume con mantello rosso, circondato da fulmini e saette, davanti agli occhi increduli dell’albero e del coniglio.

Nel film la sequenza si interrompe con Thor che chiama a sé l’ascia, probabilmente per rendere il suo arrivo in Wakanda ancora più sorprendente e mantenere così l’effetto sorpresa.

 

 

Vedova Nera e Hulk

Verso la fine delle riprese del primo film Scarlett Johansson rivelò che la pellicola avrebbe continuato a esplorare il rapporto tra Natasha Romanoff e Bruce Banner. Nel montaggio finale c’è solo un momento di “confronto” tra i due personaggi, ma la cosa si riduce a qualche sguardo e sorriso di intesa, niente di più.

La verità è, come spiegato dall’attrice, tra di loro non c’è più nulla:

Vedova Nera non è una persona così sentimentale e credo capisca che sia passato molto tempo. Hanno avuto entrambi esperienze separati l’uno dall’altra, e avranno per sempre dei momenti trascorsi insieme, ma ripeto, è passato troppo tempo. L’ultima volta che si sono visti avevano bisogno di prendere una decisione eroica, sacrificando il desiderio personale per un bene superiore. È andata così e oramai è acqua passata.

Sembra, però, che avremmo dovuto assistere a una rottura tra i due, o per lo meno a una sequenza più esplicita. Come confessato dalla stessa attrice l’anno scorso:

Ho appena finito di girare Avengers: Infinity War, la prima parte. Il mio personaggio è ancora legato al personaggio di Mark Ruffalo e ho dovuto girare una scena che è stata devastante per me. Non so perché, ma c’è qualcosa nel personaggio di Mark, qualcosa che dovrebbe essere così solido e che inizia a infrangersi…che mi ha ricordato delle cose che al tempo stavano succedendo nella mia vita. Avere la possibilità di portare queste cose a lavoro, analizzarle, e avere un altro attore che ti aiuta a capirle è davvero il massimo.

Le immagini in calce (come anche quella in alto) ci mostrano una sequenza tagliata dal montaggio finale. Alle spalle di Bruce, tra l’altro, si può ammirare la Hulkbuster ed è possibile che nella sequenza si dovesse fare riferimento a come l’armatura di Stark sia finita in Wakanda.

 

Alterazioni in digitale

È pratica comune, per anteprime rivolte al grande pubblico, quella di rimuovere il sangue per evitare di classificare tutti i trailer e gli spot come “PG-13“. Qui trovate alcune inquadrature il cui ferite e sangue sono stati censurati appositamente attraverso la post-produzione.

 

Thanos

Oltre all’alterazione digitale del guanto – come sappiamo Thanos in questo momento del film ha più gemme di quante ne mostri l’inquadratura – dalla pellicola mancano alcune battute, come l’iconica:

Quando tieni in equilibrio l’universo non pensi al divertimento, ma questo riesce a farmi sorridere“.

Avremmo dovuto assistere anche al passato del personaggio, ma in fase di pre-produzione gli sceneggiatori si sono resi conto che non sarebbe stato necessario. “Alla fine il film è raccontato dal suo punto di vista“.

Un romanzo che esplorerà alcuni retroscena relativi al Titano Folle uscirà a fine anno.

 

Peter Parker

 

Ciak Alternativi

Anche se molte scene presenti nel materiale promozionale le abbiamo ritrovate anche nel final cut del film, le stesse sequenze però ci sono state presentate in maniera leggermente diversa, specchiate o in veri e proprie riprese alternative.

 

Wakanda

Anche in Wakanda manca qualche sequenza, ma nulla di troppo rivelante a quanto sembra.

 

Titan

Dalle scene su Titan non manca molto. Dal discorso sul “piano d’azione”, infatti, è stato tagliato l’incredulo e rassegnato “WOW” di Tony in risposta alla controproposta di Star-Lord, come invece si vedeva nel trailer finale.  Nella sequenza, inoltre, è stato aggiunto Doctor Strange che medita fluttuando dietro di loro.

Rispetto al trailer mostrato al Comic-Con di San Diego manca anche un’inquadratura in cui Quill cade al suolo in rallenty, ma si tratta – appunto – di minuzie.

 

Occhio di Falco

Qui entriamo in territorio speculazione con una certa vena di complottismo, ma qualcosa ci dice che Jeremy Renner avrebbe dovuto fare una comparsa nel film, e che poi nel corso della lavorazione la produzione abbia deciso di tagliarlo.

Ne è una prova, ad esempio, il fatto che Occhio di Falco fosse presente nel poster del Comic-Con di San Diego, per poi essere completamente rimosso dalla campagna markeing.

Una dimostrazione ancora più convincente ce l’ha data lo stesso attore l’anno scorso durante le riprese iniziali di Infinity War. Renner aveva infatti ricevuto un cappellino dalla produzione e aveva inoltre portato sua figlia sul set: dall’ambientazione che si scorge dalla foto del suo account instagram sembra che Renner stesse girando delle scene ambientate alla fattoria.

Possibile che avremmo dovuto vedere gli effetti dello schiocco di Thanos sui componenti della sua famiglia? Nella pellicola ci viene spiegato che il personaggio ha preso una decisione per la sua famiglia ed è adesso costretto agli arresti domiciliari mentre le dichiarazioni dei Russo riguardo al personaggio negli ultimi mesi – facendo intendere la sua presenza all’interno della pellicola – sono state:

In questo film scopriamo che alcuni dei personaggi dalla parte di Cap hanno preso certe decisioni, gli altri ne hanno prese altre che li hanno condotti su percorsi diversi. Occhio di Falco perciò affronterà un viaggio tutto suo in questo film.

Decisamente curioso, inoltre, un post dell’attore risalente a marzo, forse dopo aver appreso della notizia di esser stato tagliato dal film:

Infinito – un numero più grande di qualunque quantità definita o numerabile (simbolo ∞). A volte“. Come hashtag Renner usò “ORIGINALSIX” (un riferimento ai sei Vendicatori originali) e “UNITEDWESTAND” (uniti si vince).

Insomma, con tutta probabilità il personaggio è sopravvissuto agli eventi conclusivi del film e nel prossimo capitolo lo troveremo di nuovo azione. Resta, comunque, il dispiacere di non aver potuto assistere ad almeno di una comparsa di uno degli “Avengers fondatori”, a tutti gli effetti il solo ed unico escluso.

***

Cosa ne pensate? Avete notato altro? Ditecelo nei commenti!

LEGGI ANCHE

Gli Avengers torneranno in due film che sono stati girati consecutivamente in circa 9 mesi nel corso del 2017. Il primo capitolo, Avengers: Infinity War, è arrivato negli Usa il 27 aprile 2018. Il secondo capitolo, ancora senza titolo, uscirà il 3 maggio 2019.

I due film sono diretti da Anthony e Joe Russo e scritti da Christopher Markus e Stephen McFeely. Tra i produttori esecutivi anche Jon Favreau, regista dei primi due Iron Man.

I film sono stati girati interamente in IMAX con l’ausilio delle nuove macchine da presa targate ARRI – le stesse che i fratelli Russo hanno impiegato per le riprese di Captain America: Civil War, anche se solo per alcune sequenze.

Tra i componenti del cast d’eccezione citiamo Robert Downey, Chris Evans, Chris Hemsworth, Mark Ruffalo, Scarlett Johansson, Jeremy Renner, Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Bautista, Bradley Cooper, Vin Diesel, Pom Klementieff, Karen Gillan, Benedict Cumberbatch, Tom Holland, Sebastian Stan, Chadwick Boseman, Paul Rudd, Cobie Smulders, Benedict Wong, Letitia Wright, Danai Gurira, Winston Duke, Tom Hiddleston, Tessa Thompson, Benicio Del Toro, Tom Vaughan-Lawlore e Josh Brolin.