Guillermo del Toro ha di recente espresso il suo amore per The Counselor – Il Procuratore, il film di Ridley Scott che non ha fatto particolarmente presa su critica e pubblico qualche anno fa.

Con un budget di circa 25 milioni di dollari la pellicola ha raggiunto in tutto il mondo quota 71 milioni.

Il regista, che di recente ha ricevuto una stella sulla Walk of Fame, ci ha tenuto a spiegare perché è un film che lo ha toccato particolarmente:

Non so se sono d’accordo con il termine ‘sottovalutato’ perché credo che ogni film trovi un suo pubblico. Sappiamo tutti che qui parliamo di commercio, ma dobbiamo renderci conto che è anche una forma d’arte, e proprio come un dipinto, un film trova spesso un pubblico che lo ama a livello molecolare, che si tratti di poche o di tantissime persone. Ma per me “Il Procuratore” è pieno di cose che, da messicano, posso apprezzare a quel livello. So che la morte e la tragedia sono dietro l’angolo nella vita di ognuno e quando attraversi quella soglia, come dice Ruben Blades, il mondo non ti riporterà indietro.

Sono un cattolico non praticante, un cattolico messicano, perciò capisco il racconto dell’uomo che crede di controllare il mondo, poi fa capolino in una dimensione che crede di capire, ma che in realtà non comprende, e quell’atto gli distrugge completamente la vita. È una cosa che amo. Ci sono pochissimi film che raccontano il crimine che riescono a fare i conti con questo limite incredibilmente esistenziale. “Gli amici di Eddie Coyle” è un altro esempio spietatamente uguale. “Cogan – Killing Them Softly”, basato sullo stesso tipo di personaggi, è anche tremendamente crudo in tal senso.

Quando mio padre è stato rapito, nella mia vita tutto è cambiato per sempre. Trovo molto pericoloso quando la gente idealizza il commercio di droga e lo rende solo un’altra favola tra buoni e cattivi. Perciò credo che “Il Procuratore” abbia quella sorta di regalità quotidiana e sfrenata brutalità che quel mondo ha davvero. Ed è raro che venga dipinto così.

E poi ci sono scene che esercitano uno strano fascino su di me. Il venditore di diamanti interpretato da Bruno Ganz e il modo in cui funga da punto di vista per l’oscurità di tutto il film lo trovo brillante.

The Counselor – Il Procuratore è arrivato al cinema nel 2014. Questa la sinossi:

Il Procuratore (il suo vero nome non viene rivelato) è un avvocato che ha la tentazione di entrare in un mondo oscuro e pericoloso per fare soldi in modo semplice. Egli presto impara che una singola decisione può avere conseguenze scioccanti e irreversibili. Anche se riceve molti avvertimenti circa i potenziali pericoli del partecipare a questa operazione, l’arroganza del Procuratore non gli permette di fermarsi.

Nel cast Michael Fassbender, Brad Pitt, Javier Bardem, Penelope Cruz e Cameron Diaz.

 

Consigliati dalla redazione