Da diverso tempo Jason Momoa e gli hawaiani stanno protestando per porre fine ai piani che prevedono la costruzione di un telescopio TMT sulla sommità di una montagna ritenuta sacra: stando all’attore così facendo è in gioco la sua partecipazione ad Aquaman 2.

Si tratta di un progetto d 1,4 miliardi di dollari a cui era già stato posto un freno dopo le protese nel 2015; l’ultima decisione della Corte Suprema risalente allo scorso ottobre, però, è stato il via libera ai lavori. La popolazione non l’ha presa bene sia perché si tratta di un territorio da molti considerato sacro, sia perché per i nativi il telescopio – che sarebbe tra i più grandi al mondo – causerebbe notevoli danni ambientali.

Jason Momoa ha così scritto un post su Instagram per spiegare le ragioni della protesta e chiarire perché potrebbe non partecipare ad Aquaman 2:

Fan**lo. E il TMT è 4 volte più grande. Scusate, Warner Bros., non potremo girare Aquaman 2 perché Jason è stato investito da un bulldozer mentre cercava di porre fine alla profanazione della sua terra nativa. QUESTA COSA NON DEVE SUCCEDERE. NON VI PERMETTEREMO DI FARLO. Quando è troppo è troppo. Andate altrove.

In foto è possibile vedere il Telescopio Subaru nel 1992: il nuovo TMT sarà 4 volte più grande e dovrebbe occupare la zona del vulcano Mauna Kea.

 

 

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

La Warner Bros. ha annunciato che il seguito del cinecomic di James Wan approderà nelle sale cinematografiche statunitensi il 16 dicembre 2022.

 

Consigliati dalla redazione