Tim Miller ha parlato con Comicbook di quali siano le regole del viaggio nel tempo di Terminator: Destino Oscuro.

Il regista ha ammesso di aver fatto riferimento a quanto stabilito già da James Cameron con i primi film della serie: “Esiste una sola linea temporale e se cambi qualcosa nel passato, l’onda temporale – come l’effetto farfalla – cambia il futuro“.

Insomma, non si tratta delle stesse regole di Avengers: Endgame:

Mi piace pensare che il tempo sia come un fiume agguantato da mulinelli. Jim lo definisce un uroboro, un cerchio del tempo senza fine. Kyle torna indietro nel tempo, fa sesso con Sarah, lei partorisce John. John arriva nel futuro, manda Kyle indietro nel tempo, e il tempo si ritrova in questo mulinello e torna a fluire solo quando Sarah distrugge Cyberdyne.

Qui ci troviamo davanti a un altro mulinello, e se loro decideranno di attenersi a quanto è stato scritto, assicurandosi che il futuro accada allo stesso modo, o se decideranno di contrastarlo …non posso dirvelo.

Terminator: Destino Oscuro è nei cinema dal 31 ottobre, noi abbiamo visitato il set:

Mackenzie Davis, Natalia Reyes, Diego Boneta, Gabriel Luna, Linda Hamilton e Arnold Schwarzenegger figurano nel cast. La pellicola, ricordiamo, si pone come vero e proprio sequel dei prime due, leggendari episodi della saga.

David GoyerCharles EgleeJosh Friedman e Justin Rhodes, che hanno lavorato a stretto contatto Ellison e Cameron, figurano tra gli sceneggiatori.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione