Dopo l’ultimo episodio della serie di film nata dalla mente di James Cameron, Linda Hamilton spera di aver chiuso con Sarah Connor, il personaggio che ha lanciato la sua carriera di attrice nel 1984.

Nonostante dovesse rilanciare il franchise, Terminator: Destino oscuro ha purtroppo deluso le aspettative incassando in tutto il mondo 261,1 milioni di dollari a fronte di un budget di 185 milioni (spese di promozione escluse).

L’attrice ne ha parlato in una recente intervista con l’Hollywood Reporter:

Mi piacerebbe che si facesse una versione meno colossale senza milioni di dollari in gioco. Il pubblico di oggi è così imprevedibile. Non so quante volte mi hanno detto: “La gente non va più al cinema”. Non dovrebbe trattarsi di un altro progetto così rischioso, ma sarei più che felice di non tornare mai più. Perciò no, non sono poi così speranzosa perché mi piacerebbe tanto chiudere questo capitolo.

Ha poi risposto alle critiche di tutti gli spettatori che non hanno apprezzato l’omicidio di John Connor a inizio film:

Non credo che Sarah e John si sarebbero trovati lì se fossero stati al sicuro. L’ho trovato in realtà un ottimo punto di partenza per il mio personaggio. Per alimentare il fuoco di Sarah Connor è stato un ottimo espediente. Non sono una persona a cui piace restare ancorata al passato, perciò ripartire in quel modo l’ho trovato molto più interessante.

Su Terminator: Destino Oscuro leggi anche:

Mackenzie Davis, Natalia Reyes, Diego Boneta, Gabriel Luna, Linda Hamilton e Arnold Schwarzenegger figurano nel cast. La pellicola, ricordiamo, si pone come vero e proprio sequel dei prime due, leggendari episodi della saga.

David GoyerCharles EgleeJosh Friedman e Justin Rhodes, che hanno lavorato a stretto contatto Ellison e Cameron, figurano tra gli sceneggiatori.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!