Dopo le dichiarazioni di numerosi attori che hanno lavorato al franchise del Wizarding World of Harry Potter, ora è la stessa Warner Bros a rilasciare un comunicato commentando ufficialmente le polemiche che hanno scatenato le affermazioni di J.K. Rowling su Twitter e il lungo saggio esplicativo che ha pubblicato ieri sera. Il comunicato sembra affrontare la questione in maniera più ampia includendo anche i problemi sociali degli ultimi tempi:

Gli eventi delle ultime settimane hanno rafforzato la nostra determinazione, come azienda, a confrontarci con difficili problemi sociali. La posizione della Warner Bros. sull’inclusività è ben nota, e alimentare una cultura diversa e inclusiva non è mai stata più importante per la nostra compagnia come per il nostro pubblico in tutto il mondo. Valorizziamo profondamente il lavoro dei narratori che lavorano con noi e che donano così tanto di loro stessi condividendo le loro creazioni con noi. Riconosciamo la nostra responsabilità nell’alimentare l’empatia e sostenere la comprensione di tutte le comunità e tutte le persone, in particolare quelle che lavorano con noi e che vengono raggiunte dai nostri contenuti.

Anche Universal Parks & Resorts, che ospita le aree del Wizarding World all’interno dei parchi di Los Angeles e Orlando, ha rilasciato un comunicato:

I nostri valori principali includono la diversità, l’inclusività e il rispetto nei confronti di tutti i nostri ospiti e membri del team. I nostri parchi sono luoghi dove le persone e le famiglie di tutti i tipi sono le benvenute per godere momenti di felicità insieme. Oltre a quello, non commentiamo.