Qualche giorno fa, durante una diretta su Instagram, Ray Fisher è tornato a parlare dell’indagine in corso sui comportamenti scorretti di Joss Whedon sul set di Justice League lanciando un’accusa piuttosto pesante: stando all’attore, la Warner Bros. avrebbe iniziato a diffondere notizie rilevanti in concomitanza con le dichiarazioni dell’attore per distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica.

Un esempio? L’annuncio del ritorno di Ben Affleck nei panni di Batman arrivato subito dopo le dichiarazioni di Fisher su un’indagine avviata da Warner Media.

Adesso sulla questione è intervenuto anche Jason Momoa che ha deciso di difendere pubblicamente il collega:

BASTA CON QUESTE CAZ*ATE, È ORA DI INDAGARE SU QUELLO CHE RAY FISHER E ALTRI HANNO AFFRONTATO SOTTO LA SORVEGLIANZA DELLA WARNER BROS.

Mi rendo conto che è andato tutto a put*ane quando la gente diffonde un annuncio falso su Frosty senza il mio permesso per cercare di distogliere l’attenzione da Ray Fisher che ha deciso di parlare del modo schifoso in cui venivamo trattati durante le riprese aggiuntive di Justice League. È successa roba seria. C’è bisogno di indagini e di persone che siano ritenute responsabili.

L’attore si riferisce alla notizia (che anche noi abbiamo riportato) sul ruolo da lui ottenuto in Frosty the Snowman, un film live-action sull’iconico pupazzo di neve al centro di canzoni e progetti in animazione. Alla produzione ci sarebbero stati Jon BergGeoff Johns, che tra l’altro sono proprio gli altri “indagati” per aver consentito il comportamento sbagliato di Joss Whedon sul set.

 

 

Fisher ha così commentato:

Se avete creduto alla notizia che Jason avrebbe interpretato Frosty, sveglia! Magari adesso la gente si renderà conto fin dove si spingeranno per nascondere la verità. Pensare che mio fratello potesse vendere il cast e la troupe di JL per una pipa di granoturco e un nasetto piccolo e tondo…

Responsabilità > Intrattenimento

 

 

 

 

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!