In un’intervista con Variety, Jacqueline West, costumista di Dune 2, ha raccontato i retroscena del suo lavoro per i principali personaggi femminili del film. Oltre a chiedere aiuto agli abitanti di Budapest e a produttori di gioielli in Medio Oriente, ha anche guardato al passato, trovando ispirazione nella gioielleria Tiffany degli anni Venti, in Balenciaga e persino nella rinascita dell’alta moda degli anni Cinquanta.

Ecco tutti i dettagli.

La principessa Irulan

Dune 2 Florence Pugh Irulan

Nel portare sullo schermo la principessa Irulan (Florence Pugh), West ha voluto allinearsi al romanzo di partenza. “È una Bene Gesserit. È reale e lussuosa, ma è una suora. Le Bene Gesserit sono una sorellanza, un convento intergalattico. Ma Irulan è estremamente intelligente e gioca su più fronti. È la voce della ragione, la coscienza dell’Imperatore“.

Nel vestirla, la costumista ha usato riferimenti medievali, in particolare nel copricapo, attingendo anche alla sua esperienza in una scuola cattolica:

I volti delle suore mi sembravano schiacciati dai loro abiti. Così ho fatto molti copricapi. E avendo accesso alle perline più incredibili del mondo a Budapest, le hanno realizzate tutte a mano. Ci sono volute settimane per realizzarle. Abbiamo anche fatto uno stampo della testa di Florence in modo che si adattassero perfettamente.

Lady Jessica

dune 2 rebecca ferguson alia

Per i costumi di Lady Jessica (Rebecca Ferguson), West si è ispirata ai tessuti indossati dai Touareg in Marocco. “Ho osservato come usano strati di lino e garza di colori chiari per respingere il sole“, racconta.

Quando il personaggio resta incinta, l’artista ha anche ampliato il modo in cui i suoi abiti si adattavano alla crescita della pancia. “Ho iniziato a rendere i tessuti più leggeri e meno lussuosi. Ho mantenuto la sensazione di medioevo per tutto il film, ma il suo guardaroba diventa più adatto al deserto. E ho incorporato molte scritte Fremen nelle sue fantasie“. Per quanto riguarda i gioielli, West ha trovato pezzi provenienti dal Medio Oriente, dal Nord Africa e persino di Tiffany degli anni Venti, che ha smontato con l’idea di ricostruirli per farli sembrare oggetti futuristici.

Chani

dune 2 zendaya

Chani è una principessa guerriera, per cui c’erano due aspetti da considerare: “Dovevo farle mantenere l’aspetto da dura. Ma avevo bisogno che fosse anche dolce e romantica per Timothée e che la loro storia d’amore si evolvesse“. Poiché le tute unisex sembravano identiche, West ha cercato il modo di ampliare gli abiti di Chani con sete e lini grezzi che si prestassero alla sua sessualità. “Volevo darle una vera femminilità, e il suo corpo è così bello. Potrei farle indossare un caftano e si vedrebbe comunque“. Per il resto, ha tenuto Chani in colori “molto scuri e non chiari“, tranne che per la scena in cui appare nella visione di Paul. “È come un angelo con quel vestito bianco. È semplice e quasi angelico“.

Margot Fenring

dune 2 austin butler lea seydoux

Il look di Margot Fenring (Lea Seydoux) è stato ispirato invece dall’alta moda: “Mi sono affidata a Balenciaga. Ho preso molta ispirazione da lì. Ho anche guardato alle passerelle parigine degli anni ’50“, spiega West.

Trovate tutte le informazioni su Dune: Parte due nella nostra scheda.

Che ne pensate del look dei personaggi femminili di Dune 2? Fatecelo sapere con un commento qui sotto oppure, se preferite, sui nostri canali social.

Vi ricordiamo infine che trovate BadTaste anche su TikTok.

FONTE: Variety

Classifiche consigliate