Keanu Reeves ha donato il 70% dello stipendio di Matrix alla ricerca contro la leucemia

Marvel matrix Resurrections Keanu Reeves
Matrix Resurrections
di Lana Wachowski
1 gennaio 2021 al cinema
Con l’uscita di Matrix Resurrections di mezzo, è normale che, ultimamente, si parli spesso e volentieri di Keanu Reeves.

Ed ecco quindi che è tornata agli onori della cronaca una vicenda che risale a quando il primo Matrix delle sorelle Wachowski approdava nei cinema di tutto il mondo apprestandosi a diventare un caso. Come ci ricorda Lad Bible, Keanu Reeves donò circa il 70% del suo compenso alla ricerca contro la leucemia. Al tempo sua sorella Kim stava combattendo proprio contro quella malattia già da alcuni anni e, proprio per questa ragione, l’attore decise di destinare alla ricerca ben 31.5 milioni di dollari. Per il primo Matrix, Keanu Reeves ricevette un salario di 10 milioni a cui se ne aggiunsero poi altri 35 in base agli incassi ottenuti dalla pellicola.

Keanu Reeves ha anche aperto un suo fondo di ricerca contro la leucemia tenendo per anni nascosta la cosa all’attenzione dei media. Nel 2009 ebbe modo di dichiarare (via Indy100):

Ho una fondazione privata che ho avviato da circa cinque, sei anni che si occupa di aiutare un paio di ospedali infantili e la ricerca sul cancro. E non voglio attaccarci addosso il mio nome, lasci che la fondazione si occupi di quello di cui deve occuparsi

Trovate tutte le informazioni sul nuovo capitolo di Matrix nella nostra scheda del film! Vi ricordiamo che il film è uscito nei cinema italiani lo scorso primo gennaio.

Cosa ne pensate? Se siete iscritti a BadTaste+ potete dire la vostra commentando nello spazio dei commenti in calce a questo articolo.

Potete restare in contatto con la redzione di BadTaste anche su Twitch! Ci trovate a questo link!

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.