Mentre Wonder Woman 1984 è, contemporaneamente, nei cinema americani e in streaming su HBO Max, Patty Jenkins, ospite del podcast di Marc Maron, si leva un sassolino dalla scarpa nei confronti della Warner per via di una modifica richiesta, meglio, imposta dalla major al finale del primo Wonder Woman.

Tutto ruota intorno al “pirotecnico” finale e allo scontro fra Diana (Gal Gadot) e Ares (David Thewlis). A proposito di quel frangente, Maron ammette: “Mi è piaciuta quella scena, gli effetti funzionavano secondo me”.

La regista aggiunge:

Cielo, sono contenta. Quella è stata l’unica cosa sulla quale lo studio ha esercitato forza, perché non doveva essere così inizialmente. Non si doveva trasformare in Ares. Era un po’ tutto il concetto del film, ti aspettavi di vedere questo mostro e invece lui doveva starsene lì e dire “Io non ho fatto niente”. Lo studio mi disse “Ok, falla così, vediamo come viene”, ma riuscivo a sentire che tutto stava per venire a galla e, all’ultimo minuto, mi dicono “Vogliamo che si veda Ares”. Feci notare che “Porca miseria, ma non abbiamo tempo!”, ma loro insistettero. Ed è una roba che m’infastidisce ancora, perché quando mi capita di rileggere le interviste l’unica roba che riceve una bocciatura unanime è proprio quella scena. Va tutto al motto di “La Dc fa sempre queste cose”. E la verità è che è stato proprio lo studio a voler quella scena, a torto. Ma ormaia va bene così.

Wonder Woman 1984 è uscito al cinema a Natale negli Stati Uniti, in Italia uscirà nel 2021. Questa la sinossi ufficiale:

Un rapido balzo fino agli anni ’80 nella nuova avventura per il grande schermo di Wonder Woman, che si troverà ad affrontare un nemico del tutto nuovo: The Cheetah.

Nel cast del film film compaiono Gal Gadot nei panni di Diana Prince, Kristen Wiig nel ruolo della super cattiva Cheetah, e Pedro Pascal. Chris Pine fa ritorno al suo ruolo di Steve Trevor. Nel cast anche Ravi Patel, Natasha Rothwell e Soundarya Sharma.

A far compagnia alla regista dietro la macchina da presa, il direttore della fotografia Matthew Jensen, la scenografa candidata all’Oscar® Aline Bonetto (“Amélie”) e la costumista premio Oscar® Lindy Hemming (“Topsy-Turvy”). Il montatore candidato all’Oscar®, Richard Pearson (“United 93”) si occuperà del montaggio del film.

Tra i luoghi per le riprese la produzione ha scelto Washington, D.C., Alexandria, Virginia oltre a Regno Unito, Spagna e Isole Canarie.

“Wonder Woman 1984” è ispirato al personaggio creato da William Moulton Marston e pubblicato nei fumetti dalla DC Entertainment. Il film sarà distribuito in tutto il mondo dalla Warner Bros. Pictures, una compagnia della Warner Bros. Entertainment.