Spider-Man: Across the Spider-Verse, i registi parlano dello sviluppo di Miles e delle pose iconiche

spider-man across the spiderverse

In occasione di una presentazione all’Annecy Festival i registi di Spider-Man: Across the Spider-Verse, sequel di Spider-Man: Un nuovo universo, hanno parlato con Cartoonbrew.com del già attesissimo progetto, parlando ad esempio degli artisti che hanno contribuito all’opera, tra cui Kris Anka e Samford Green:

[Fumettisti come loro] sono eroi non celebrati perché il loro lavoro si trasforma in questi franchise enormi, perciò volevamo garantire il loro coinvolgimento. […] La cosa ci porta a pensare: “Perché non lo hanno fatto già altri?”, ma siamo felici di averlo fatto.

Hanno poi parlato dello sviluppo di Miles Morales e della possibilità che si metta in posa come nei fumetti:

Miles sta facendo dei passi in avanti nel suo viaggio, non inciampa più, è più capace, sicuro, sa quello che fa. Il suo corpo è ancora allampanato, ma si sta riempiendo. Sta iniziando a capire il suo corpo, ed è importantissimo.

Abbiamo però una specie di regola di evitare le pose classiche di Spider-Man, quindi quella con la gambe sopra la testa in stile Todd McFarlane. Sono pose bellissime, ma Miles ha la sua strada e ha dovuto pensare a quelle sue personali.

Il primo dei due sequel di Spider-Man: Un nuovo universo sarebbe dovuto uscire quest’anno, il 7 ottobre, mentre la seconda parte Spider-Man: Beyond the Spider-Verse sarebbe dovuta arrivare l’anno prossimo, ma qualche mese fa lo studio ha annunciato che il primo uscirà invece il 2 giugno 2023, il secondo il 29 marzo 2024.

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.