Timothée Chalamet è decisamente sulla cresta dell’onda. In questi giorni è nei cinema con Dune di Denis Villeneuve e sul set di Wonka, il film originale basato sul personaggio creato da Roald Dahl e protagonista dei romanzi La fabbrica di cioccolato e Il grande ascensore di cristallo.

In una chiacchierata fatta col Time a margine della promozione stampa di Dune – ricordiamo che negli Stati Uniti il film deve ancora uscire e che la release è prevista sia al cinema che in streaming su HBO Max il prossimo 22 ottobre – Timothée Chalamet ha spiegato che uno dei suoi “eroi” gli ha sconsigliato di prendere parte a un cinecomic.

Uno dei miei eroi – non posso dire chi è altrimenti mi prenderebbe a calci in culo  – la prima volta che ci siamo visti mi ha abbracciato e mi ha dato una serie di consigli: “Niente droghe pesanti e niente film coi supereroi”.

Due anni fa, intervista per la promozione di The King, Timothee Chalamet aveva parlato di The Batman e della possibilità di interpretare un supereroe sul grande schermo.

Quando ero piccolo, a 5 anni – potete chiedere conferma a mia madre che è qui stasera – la gente in ascensore mi chiedeva: “Come ti chiami?” e io rispondevo: “Robin”.

C’è da dire che ogni regista si è sempre astenuto dal mettere Robin [in un film]… in realtà Zack Snyder aveva inserito un flashback con Robin, durava tre secondi e magari non si chiamava neanche Robin, ma al cinema lo hanno sempre evitato perché è difficile da portare sullo schermo. Io comunque non sono contrario a quegli universi.

Tornando a Wonka, Sally Hawkins, Rowan Atkinson, Olivia Colman e Jim Carter si sono uniti al team d’interpreti che, oltre all’attore di Dune, comprende Mathew Baynton (Ghosts), Tom Davis (Paddington 2), Simon Farnaby (i film di Paddington), Rich Fulcher (Marriage Story), Kobna Holdbrook-Smith (Paddington 2), Paterson Joseph (Noughts + Crosses), Keegan-Michael Key (Schmigadoon!), Calah Lane (The Day Shall Come), Matt Lucas (Paddington), Colin O’Brien (The Mothership), Natasha Rothwell (The White Lotus), Rakhee Thakrar (Sex Education) e Ellie White (The Other One).

Nulla sappiamo sulla trama, se non che sarà incentrata sulle origini dell’iconico e bislacco personaggio.

La Warner Bros realizzerà la pellicola insieme allo storico produttore della saga di Harry Potter e relativi prequel, Animali Fantastici, e dei lungometraggi dell’orso Paddington, ovvero David HeymanPaul King (Paddington) dirigerà il film su una sceneggiatura di Simon Rich (An American Pickle). È la terza volta che la Warner lavora su una storia di Wonka: ricordiamo infatti il film Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato del 1971, con Gene Wilder, e La fabbrica di cioccolato di Tim Burton del 2005, con Johnny Depp.

Vi ricordiamo che, in aggiunta a questo nuovo Willy Wonka, Netflix ha acquistato la Roald Dahl company per dei nuovi adattamenti filmici e seriali delle storie dell’autore. Il colosso dello streaming ha concluso un accordo che porterà la piattaforma a realizzare molte opere tratte dagli amatissimi libri di Roald Dahl. Tra i progetti annunciati oggi una nuova variazione su La fabbrica di cioccolato, che verrà realizzata dal regista Taika Waititi (di cui già si parlava lo scorso anno), e un nuovo film tratto da Matilda.