L’undicesima stagione di The Walking Dead, al via il 23 agosto su Star della piattaforma di Disney+, mostrerà un gruppo di sopravvissuti alle prese con una nuova comunità e tra di loro c’è anche Yumiko, interpretata da Eleanor Matsuura che ha scelto di partire insieme a Eugene ed Ezekiel per provare a raggiungere Stephanie, la donna con cui il personaggio di Josh McDermitt ha parlato a lungo via radio. I tre si sono poi imbattutti in Princess, una giovane dalla personalità molto complicata che da tempo non interagiva con altre persone, ritrovandosi poi alle prese con un gruppo armato misterioso.
La situazione, come dimostrano gli episodi Acheron Part I e Part II, faranno emergere un lato di Yumiko che potrebbe sorprendere gli spettatori e la giovane sarà messa alla prova.
Eleanor, durante una roundtable con la stampa, ha regalato qualche anticipazione riguardante l’ultima stagione dello show e ricordato inoltre il percorso compiuto da quando è entrata a far parte del cast della serie cult tratta dai fumetti di Robert Kirkman.

Hai debuttato quando la serie era già un grande successo internazionale, un fenomeno televisivo. Il tuo personaggio ha suscitato grande entusiasmo tra i fan. Come è stato entrare a far parte di questo mondo e proporre un personaggio queer?
Entrare a far parte dello show è stato realmente un turbinio di emozioni. Sono arrivata in un momento così strano e importante perché era stata mostrata da poco l’uscita di scena del protagonista Rick Grimes. Arrivando sul set si poteva realmente provare la sensazione che le persone fossero ancora quasi in lutto. Quindi è stato un momento realmente bizzarro per arrivare. Ma c’era anche questa grandiosa sensazione di entusiasmo perché c’era una specie di rinnovamento, c’era stato questo salto temporale nella storia. E le persone erano realmente eccitate all’idea di scoprire come poteva essere la vita dopo Rick Grimes. Quindi è stato davvero eccitante e sono stata onorata nell’essere accolta dai fan. Poter interpretare un personaggio queer nello show è uno dei momenti che mi ha resa più orgogliosa, lo sono incredibilmente. Non mi sono mai tirata indietro nel voler rappresentare quell’aspetto e sostengo moltissimo nella mia vita la comunità LGBTQ+. Per me è stato realmente importante che fosse rappresentato quell’elemento nella serie. Penso che lo show abbia compiuto, se devo essere sincera, un lavoro straordinario per quanto riguarda la diversità e sono semplicemente felice di aver potuto contribuire.

Nei primi episodi inediti vediamo dei lati della personalità di Yumiko che in passato non erano emersi. Come hai lavorato a questo aspetto della storia? Ti ha sorpresa vederla reagire in quel modo?
Amo gli elementi del personaggio di Yumiko che si scoprono in questa stagione ed è davvero eccitante recitare in queste puntate. Avevamo scoperto che era un avvocato nella precedente stagione e avevamo scoperto come era iniziata la sua relazione con Magna, in pratica l’aveva fatta uscire di prigione e si era formato quel legame. Ma poter usare le sue capacità in questo modo… Penso che nessuno se lo aspettasse. Per 12 anni non ha avuto bisogno di usare queste capacità come la sua educazione di livello, i suoi studi a Harvard e Oxford. Le lauree non sono state necessarie durante un’apocalisse. Ora, improvvisamente, abbiamo scoperto che ha queste straordinarie capacità e non è intimidita da stanze piene di persone che si basano su sistemi all’insegna dell’oppressione e sistemi di classe. E Yumiko guarda in modo diretto tutto questo e non è intimidita. Sa invece come usare questi elementi a suo vantaggio. Amo realmente poter esplorare questa nuova capacità in uno show come The Walking Dead, in cui le persone non si sono comportate in questo modo a lungo, è stato davvero fantastico.

Come descriveresti il percorso che compierà Yumiko nell’undicesima stagione usando solo cinque parole?
Direi sorprendente, inaspettata leadership, sicura, e rivoluzionaria. Perché c’è un nuovo territorio. Il motivo per cui ho scelto queste parole è che c’è una nuova situazione in cui si trova e che non abbiamo mai visto prima. Ed è davvero inaspettata. Il nemico non è necessariamente ovvio. E penso che Yumiko ne sia consapevole e userà le sue capacità per assicurarsi che sta sempre lottando per ciò in cui crede e per i suoi amici in cui crede davvero, davvero molto. Questo sarà un po’ complicato di tanto in tanto.

L’undicesima stagione sarà l'”inizio della fine”. Cosa provi? Sai già cosa accadrà al tuo personaggio?
Sì, so come finisce la storia. Sono consapevole di come si conclude e non ho intenzione di parlarne. Se lo facessi sarebbe orribile. Ma non dò nulla per scontato e lo dico sinceramente. Anche se sono a conoscenza di cosa accadrà, perché le cose cambiano molto in questo universo. Siamo solo a metà delle riprese. Anche se penso di sapere cosa accadrà affronto tutto con un po’ di diffidenza perché il destino e la sorte dei personaggi sono spesso cambiati molto. E capisco che è sempre stato così in questo show. Non provo però, nonostante si sia parlato molto della fine e ci si sia concentrati su questo aspetto, la sensazione di essere alla fine. Non provo ancora quelle emozioni e, per ora, non mi concedo nemmeno la possibilità di provarle. Siamo circa a metà delle riprese della stagione attualmente e c’è ancora tanta strada da fare. C’è ancora questa montagna immensa da scalare. Pensare alla fine ora sembra sia semplicemente troppo, davvero troppo presto. Dovrete chiedemerlo di nuovo tra qualche mese.

Hai già idea se il tuo personaggio potrebbe essere coinvolto in uno degli spinoff che verranno realizzati?
Non ho alcuna idea di quello che accadrà. Non lo so realmente. Dal mio punto di vista non so certamente nulla per quanto riguarda gli spinoff. Non so nessun dettaglio. Per me l’idea che la serie stia finendo è ancora un concetto astratto, è come se fosse in una galassia molto, molto lontana. Non ho alcuna idea.

Sei entrata a far parte del cast nelle stagioni più recenti, ma Yumiko ha conquistato i fan davvero in fretta, come è stata l’esperienza di entrare a far parte di un gruppo che era insieme ormai da anni?
Penso sia divertente perché sono entrata nello show come accade nella serie: con un mio gruppo di persone che erano come membri di una famiglia, come accade spesso nel mondo di questa serie perché è tutto quello che hai, ci si affida uno all’altro così profondamente e in modo così diretto. Ho iniziato la mia esperienza nella serie con altre quattro persone e ci siamo realmente avvicinate perché sono tutti delle persone realmente brillanti e meravigliose nella vita reale ed eravamo nella stessa situazione, nello stesso momento. Ritrovarsi nel mezzo delle foreste della Georgia al caldo a combattere insieme è stata un’esperienza che crea dei legami. Non ho mai provato la sensazione di essere sola e iniziare questo lavoro con quattro amici è stato davvero d’aiuto. Nello show, inoltre, i nostri personaggi sono entrati in una nuova comunità in cui non conoscevano nessuno. Era come se l’arte imitasse la vita, non è stato difficile provare a integrarsi con i personaggi che erano sempre stati presenti e provare a conquistarli, cercare di ambientarci nella comunità, perché era esattamente quello che stavano facendo i nostri personaggi nello show. Non sembrava difficile recitare perché lo stavo cercando di fare anche nella vita reale sul set, provando a conoscere tutti, rispettarli e adeguarci nel migliore die modi.

Come è stata l’esperienza di tornare sul set durante la pandemia?
Sono molto orgogliosa nei confronti della nostra produzione e della nostra troupe per essere riusciti a far funzionare tutti i protocolli. Si tratta di una serie dalla grande portata e abbiamo dei costi altissimi. Abbiamo una produzione imponente, una troupe numerosa e, facendo gli scongiuri, per ora siamo riusciti in questa stagione a lavorare senza problemi. Siamo uno degli show che non ha dovuto fare pause nelle riprese perché abbiamo preso tutte le precauzioni con successo, stanno funzionando. Per me è realmente emozionante quando si pensa al fatto che un anno fa non potevamo lavorare e ora stiamo realizzando questa produzione che, non solo sta svolgendosi, ma lo fa anche con successo. Stiamo ancora realizzando cose grandiose e lo facciamo in modo sicuro. Sono davvero e profondamente e orgogliosa della serie per questo aspetto.

Nella nuova stagione il gruppo di cui fa parte Yumiko è alle prese con una nuova comunità e nuove dinamiche. Uno degli elementi più interessanti e divertenti è rappresentato dalle interazioni del tuo personaggio con Princess. Cosa possiamo aspettarci in futuro per quanto riguarda il legame tra di loro?
Devo ammettere che anche in questo caso l’arte imita la vita perché io adoro Paola Lázaro, che interpreta Princess. Non appena è arrivata nello show ci siamo subito avvicinate ed è diventata una mia grande amica. E penso che, senza alcun dubbio, sia uno dei migliori personaggi della serie, la adoro assolutamente. Il modo in cui interpreta Princess è semplicemente esilarante, brillante, pieno di sfumature e profondo. Come accade sempre n questa serie, ci sono questi personaggi straordinariamente diversi che possono essere quasi uno l’opposto dell’altro, e vengono messi in una stanza insieme e si scopre che accade. Spesso sono le combinazioni più strane che diventano le più divertenti da vedere e penso che il nostro piccolo gruppo di quattro persone che hanno intrapreso questo viaggio sia realmente particolare: basta pensare al fatto che fossero insieme Ezekiel, Eugene e Yumiko e si è poi aggiunta un po’ di polvere magica di Princess; è questo strano cocktail, ma funziona. Mi sono divertita tantissimo a recitare con questo gruppo e spero di poter avere più scene con Paola nel corso della stagione perché tutto quello che abbiamo fatto fino a questo momento è stato divertente. Io e Paola, inoltre, proveniamo dal mondo del teatro e mi sostiene tantissimo come quando ho avuto questa scena importante con il mio monologo nel secondo episodio di questa stagione e mi ha lasciato un biglietto. Aveva scritto questo messaggio in cui dichiarava che era certa che avrei realizzato la scena nel migliore dei modi e che sarei stata incredibile. Sono cose così che ti fanno capire quanto ci tenga e che fanno la differenza quando stai andando al lavoro, è semplicemente la migliore.

Che ne pensate delle dichiarazioni di Eleanor Matsuura sull’undicesima stagione di The Walking Dead? Lasciate un commento!

Potete rimanere aggiornati sulla serie grazie ai contenuti pubblicati nella nostra scheda.