È l’Hollywood Reporter a pubblicare lo scoop.

Mel Gibson e la Warner Bros. sarebbero in fase di trattative preliminari poiché lo studio vorrebbe l’ex protagonista di Arma Letale e Mad Max alla regia del sequel di Suicide Squad.

Stando al sito, Gibson starebbe già familiarizzando col materiale anche se lo studio starebbe vagliando anche delle alternative per il film, tra cui Daniel Espinosa (Life), Ruben Fleischer (Zombieland) e Jonathan Levine (Warm Bodies).

Gibson, dopo anni abbastanza turbolenti, è tornato alla ribalta di recente con Hacksaw Ridge. La pellicola diretta dalla star nata a New York e cresciuta in Australia, ha generato un botteghino da 164 milioni di dollari ed è in corsa per ben 6 premi Oscar (tra cui Miglio Film, Miglior Regia e Miglior Attore).

Tempo fa Mel Gibson non ha riservato di certo parole dolci al genere dei cinecomic. A settembre aveva definito Batman v Superman come una “ca**ta” specificando che:

Non m’interessa questa roba. Conosci la differenza fra i veri supereroi e quelli dei fumetti? Quelli veri non indossano lo spandex. Per cui non ti so dire. Suppongo che lo spandex costi parecchio!

A novembre, parlando dei film Marvel aveva dichiarato:

[Quella dell’UCM] è violenza senza coscienza. Poi, se vogliamo parlare di violenza, prendiamo in considerazione un film qualsiasi della Marvel. Sono più violenti di qualsiasi cosa io abbia mai fatto, ma nei miei film ti frega dei personaggi, cosa che la rende più rilevante. Ed è tutto quello che dirò in materia.

Vi terremo aggiornati circa gli sviluppi della faccenda.