Tutte le recensioni

Aggiornato il 23 agosto 2017 alle 21:18

Nella prima scena di Dunkirk alcuni soldati vagano in un paesino disabitato, non sanno dove andare, sembrano in libera uscita, entrano in qualche casa e vivono momenti che paiono presi da un film di Malick fino a che improvvisi arrivano degli spari da
Death Note

Adattare un manga al cinema americano è un’operazione di traduzione culturale sempre complicatissima ma, forse complice la natura di detective story di Death Note, il film che Adam Wingard ha tratto dai fumetti di Tsugumi Ohba e Takeshi Obata traballa,

A cinque anni dall’ultimo film della serie Diario di Una Schiappa la 20th Century Fox cambia tutto il cast e rimette a posto le età e i volti con la continuity degli omonimi romanzi per ragazzi. Ora Greg, il protagonista, ha di nuovo le sembianze di

Sembra che a fare le commedie di grana grossa, quelle più dure e senza scampo, siano rimasti solo un pugno di comici televisivi. Tra questi Will Ferrell, ad oggi è il più prolifico, il più sveglio e (non da oggi) il più interessante. Si avvicendano

È difficile non sentire un senso di deja-vu arrivati a metà strada di La Torre Nera, film che già dalla sua durata inusuale per i blockbuster di questi anni (95 minuti, pochissimo) si presenta come un’operazione d’altri tempi. Realizzato pescando

Lui e lei sono squattrinati ma si amano e sognano di lasciarsi tutto alle spalle, a salvarli può essere solo una macchina con cui scappare via all'improvviso di notte. È l’immaginario delle canzoni di Bruce Springsteen, ma sostituendo la brama di

Nella remota provincia americana dei primi del novecento è tutto un dolly rassicurante, giochi di bimbi e genitori premurosi che sprizzano felicità all’interno di una magione isolata tra i campi. Almeno fino a che un incidente di rara assurdità e

C’è tutto un immaginario maschile molto preciso che collassa e precipita dentro Crazy Night: Festa Col Morto (una versione più comprensibile anche a chi non parli inglese dell’originale Rough Night, con il suo understatement umoristico), quello