Si sono svolti ieri sera a Siviglia, in Spagna, gli European Film Awards, fondati a Berlino nel 1988. A votare gli oltre 3.500 membri della European Film Academy.

La serata è stata dominata da Cold War di Pawel Pawlikowski, già candidato polacco all’Oscar come miglior film straniero e vincitore di numerosi premi della critica negli Stati Uniti. La pellicola ha ottenuto cinque statuette, tra cui miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura, migliore attrice (Joanna Kulig). Morto Stalin, se ne fa un Altro di Armando Iannucci ha ottenuto il premio come miglior commedia, mentre Marcello Fonte è stato nominato miglior attore per Dogman. Girl, pellicola di Lukas Dhont che rappresenta il Belgio nella corsa come miglior film straniero agli Oscar, ha ottenuto il premio European Discovery.

Il premio del pubblico è invece andato a Chiamami col tuo Nome di Luca Guadagnino, vincitore dell’Oscar 2018 come miglior sceneggiatura adattata. Riconoscimenti anche per Lazzaro Felice di Alice Rohwacher. L’EFA Onorario è andato al regista franco-greco Costa-Gavras, così come il premio alla carriera è andato all’attrice spagnola Carmen Maura, mentre l’European Achievement in World Cinema Award è andato a Ralph Fiennes, che ha commentato così il premio a lui assegnato: “Pensando a questa occasione, non riuscivo a non riflettere su cosa significhi essere europeo. Posso essere sia inglese che europeo? Empaticamente sì. Questa è la sensazione che ho. […] C’è una crisi in Europa, e la possibilità di respirare in libertà viene minacciata. Non solo dal sentimento populista, ma dalla lenta pressione della correttezza politica e dalla inquietante manipolazione dei social media. […] Ma il cinema può essere la finestra attraverso la quale vediamo un altro essere umano: i film possono essere canzoni che attraversano i confini. […] In Inghilterra ora c’è solo il rumore della divisione, mentre i film portano speranza celebrando le nostre diversità nel linguaggio, nella cultura, nei costumi e nella nostra comune umanità. Credo che i registi uniscano la società. Il nostro lavoro, per definizione, è collaborativo: deve esserlo per funzionare.”

FILM EUROPEO
“Border,” Ali Abbasi
“Cold War,” Pawel Pawlikowski
“Dogman,” Matteo Garrone
“Girl,” Lukas Dhont
“Happy As Lazzaro,” Alice Rorhwacher

COMMEDIA EUROPEA
“C’est La Vie,” Olivier Nakache, Eric Toledano
“Diamantino,” Gabriel Abrantes, Daniel Schmidt
“The Death Of Stalin,” Armando Iannucci

REGISTA EUROPEO
Ali Abbasi, “Border”
Pawel Pawlikowski, “Cold War”
Matteo Garrone, “Dogman”
Samuel Maoz, “Foxtrot”
Alice Rorhwacher, “Happy As Lazzaro”

ATTRICE EUROPEA
Eva Melander, “Border”
Joanna Kulig, “Cold War”
Marie Baumer, “3 Days In Quiberon”
Barbara Lennie, “Petra”
Alba Rorhwacher, “Happy As Lazzaro”
Halldora Geirhardsdottir, “Woman At War”

ATTORE EUROPEO
Sverrir Gudnason, “Borg/McEnroe”
Tomasz Kot, “Cold War”
Marcello Fonte, “Dogman”
Victor Polster, “Girl”
Jakob Cedergren, “The Guilty”
Rupert Everett, “The Happy Prince”

SCENEGGIATORE EUROPEO
Ali Abbasi, Isabelle Eklof & John Ajvide Lindqvist, “Border”
Pawel Pawlikowski, “Cold War”
Matteo Garrone, Ugo Chiti, Massimo Gaudioso, “Dogman”
Alice Rorhwacher, “Happy As Lazzaro”
Gustav Moller & Emil Nygaard Albertsen, “The Guilty”

SCOPERTA EUROPEA
“Girl”
“One Day”
“Scary Mother”
“The Guilty”
“Those Who Are Fine”
“Touch Me Not”DOCUMENTARIO EUROPEO
“A Woman Captured”
“Bergman – A Year In A Life”
“Of Fathers And Sons”
“The Distant Barking Of Dogs”
“The Silence Of Others”

FILM D’ANIMAZIONE EUROPEO
“Another Day Of Life”
“Early Man”
“The Breadwinner”
“White Fang”

CORTO EUROPEO
“Gli Anni” di Sara Fgaier

DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA EUROPEO
“Martin Otterbeck” per 22 Luglio

MONTATORE EUROPEO
Jaroslaw Kaminski (Cold War)

SCENOFRAFO EUROPEO
Andrey Ponkratov (The Summer)

COSTUMISTA EUROPEO
Massimo Cantini Parrini (Dogman)

ACCONCIATORE E TRUCCATORE EUROPEO
Dalia Colli, Lorenzo Tamburini & Daniela Tartari (Dogman)

COMPOSITORE EUROPEO
Christopher M. Kaiser & Julian Maas (3 Days in Quiberon)

SOUND DESIGNER EUROPEO
André Bendocchi-Alves & Mertin Steyer (The Captain)

VISUAL EFFECTS SUPERVISOR EUROPEO
Peter Hjorth (Borders)

PREMIO ALLA CARRIERA
Carmen Maura

CONTRIBUTO EUROPEO AL CINEMA MONDIALE
Ralph Fiennes

PREMIO D’ONORE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’EFA
Costa-Gavras

PREMIO EURIMAGE CO-PRODUZIONE
Konstantinos Kontovrakis e Giorgos Karnavas

PEOPLE’S CHOICE AWARD per il Miglior Film Europeo
Chiamami col tuo Nome

Consigliati dalla redazione