Sin dal suo debutto al Festival di Venezia, A Star is Born è stato uno dei grandi favoriti alla corsa all’Oscar.

Come vi dicevamo ieri nel nostro primo videoblog Road to Oscars, nelle ultime settimane le possibilità del film hanno iniziato a sgonfiarsi, culminando con la mancata nomination di Bradley Cooper come miglior regista (cosa che ha imbarazzato lo stesso Cooper, il quale ha comunque ottenuto ben tre nomination per questo film: miglior film, miglior attore e miglior sceneggiatore).

Ora Sean Penn, un altro attore / regista, scrive su Deadline una vera e propria difesa del film e del collega, spiegando che A Star is Born è “la storia d’amore contemporanea di maggior successo di tutti i tempi”.

Spiega Penn:

Bradley Cooper ha un problema. Sicuro, da fuori sembra tutto fantastico: famiglia, fama, fortuna, e poi con il suo primo film da regista ha realizzato la storia d’amore contemporanea di maggior successo di tutti i tempi. È esattamente questo il suo problema.

È passato così tanto tempo da quando riuscivamo a realizzare un successo o una storia d’amore che si fondesse perfettamente con la vera arte o i veri artisti… che potremmo esserci dimenticati come si fa. E ora, con le otto nomination all’Oscar di A Star is Born, il problema verrà messo in evidenza. “Bradley è una star” “È giovane… avrà tante altre possibilità…” Se questo, come sospetto, spiega i risultati di altri premi, c’è qualcosa che i votanti non hanno capito. Non è un’opportunità per Bradley Cooper: sono loro che devono apprezzare la profondità e il valore di questo film prima che il suo lascito superi la loro possibilità di parteciparvi.

L’attore e regista conosce bene le corse agli Oscar (ne ha vinti due), e così è già abbastanza sicuro di come andrà a finire:

Alla fine, sono le regole della competizione tra film, e l’iniquità dei budget pubblicitari ha sempre lasciato gli Academy Awards con un certo inevitabile retrogusto dell’alcool che molti di noi devono bere per arrivare alla fine della cerimonia. Per risparmiarmi la potenziale delusione, brindo in anticipo a Bradley Cooper e A Star is Born. Sicuramente un brindisi vale lo stesso di un globo placcato d’oro o di una statuetta di un uomo senza un pene (a sua volta placcato d’oro). Ci mancherebbe solo che avesse le palle quest’anno!

La 91esima edizione degli Oscar si terrà il 24 febbraio in diretta dal Dolby Theatre presso Hollywood & Highland. Attualmente non sono stati annunciati conduttori, probabilmente la cerimonia verrà presentata da un gruppo di personaggi del mondo dello spettacolo.

Trovate tutte le notizie sulla corsa agli Oscar nella nostra sezione speciale!