Poche ore fa abbiamo scoperto che il nuovo film di James Bond sarà al cinema due mesi dopo il previsto, l’8 aprile 2020, e oggi scopriamo forse il motivo.

Fonti di The Playlist sostengo infatti che lo script di Neal Purvis e Robert Wade avrebbe bisogno di una ulteriore revisione e che per questo la MGM avrebbe ingaggiato Scott Z. Burns.

Burns ha curato lo script di progetti come The Bourne Ultimatum – Il ritorno dello sciacallo, Contagion e Effetti Collaterali. È inoltre noto per essere, un po’ come Tony Gilroy e Christopher McQuarrie, uno “sceneggiatore di soccorso”. Se uno script ha bisogno di accorgimenti e revisioni in tempi brevi, lui è l’uomo giusto. Tra i suoi lavori non accreditati menzioniamo film come Ocean’s 12, The Bourne Supremacy, Widows – Eredità Criminale e Rogue One: a Star Wars Story.

Alla regia, ricordiamo, Cary Joji Fukunaga.

Consigliati dalla redazione