In IT – Capitolo Due sono presenti svariati cammei, alcuni dei quali più semplici da avvistare, altri un po’ più “ostici”.

Il primo in ordine cronologico è quello del regista Xavier Dolan, il cui ingresso nel cast nei panni di Adrian Mellon era stato reso noto già nel giugno del 2018. Dolan, nel 2017, aveva già avuto modo di esprimere tutto il suo apprezzamento verso la pellicola di Andy Muschietti con un post su Instagram. Lo potete trovare in questo articolo.

Nel film lo vediamo nel brutale prologo.

Poi tocca a un’apparizione proveniente direttamente dalla miniserie televisiva di due puntate del 1990 diretta da Tommy Lee Wallace. Nella riunione in cui Ben Hanscom (Jay Ryan) interviene in remoto via Facetime, il primo volto che vediamo è quello di Brandon Crane, attore che interpretava la versione bambina del medesimo personaggio nella miniserie di cui sopra.

Quando la macchina da presa passa al Bill adulto di James McAvoy, lo vediamo sul set di un film di cui è sceneggiatore che viene girato nei lotti della Warner Bros il cui regista è nienteméno che… Peter Bogdanovich, il celebre autore di L’Ultimo Spettacolo, Paper Moon e Dietro la Maschera.

Bogdanovich e Dolan non sono gli unici due filmmaker presenti in IT – Capitolo Due: all’appello risponde anche lo stesso Andy Muschietti che vediamo nella farmacia della Derry contemporanea in una scena con Eddie Kaspbrak (James Ransone).

Nel momento in cui Bill entra nel negozio di usato e modernariato “Secondhand Rose” compare invece un volto ben noto: quello di Stephen King, il papà di IT.

Un cammeo, quello del re del brivido di Bangor che rischiava di non diventare realtà. Come ha spiegato Muschietti:

Mi ha detto “C’è una cosa che devi sapere: porto sfortuna”. A quanto pare tutti i film in cui è apparso con un cammeo hanno floppato. E voleva avvertirmi. Gli ho detto che “Non dobbiamo preoccuparci di questa cosa. Possiamo evitarlo, possiamo rompere l’incantesimo”

Aggiunge poi King:

Andy mi ha chiesto se volevo farlo e la questione più importante per me era: quanto sarà complicato arrivare sul set? Ma stavano girando a Port Hope, in Canada, che è praticamente dietro l’angolo. Così sono partito insieme a mio nipote, che è un fanatico dei film – parlo di Ethan, il più grande – e siamo andati sul set. È stato fico!

Il cammeo di King, in realtà, poteva essere addirittura doppio. L’idea iniziale era quella di inserire un flashback nella scena in cui Bill entra nel negozio e al posto di usare la tecnologia di ringiovanimento digitale per mostrarci uno Stephen King più giovane, Muschietti voleva impiegare direttamente il figlio del romanziere, Joe Hill (che sembra effettivamente la versione più giovane del padre). La scena, purtroppo, non è stata mai girata per evitare di aggiungere ulteriore minutaggio alla pellicola.

CORRELATI SU IT – CAPITOLO DUE

A seguire la sinossi e le note di produzione:

Il male risorge a Derry quando il regista Andy Muschietti riunisce il Club dei Perdenti – giovani e adulti – con un ritorno a dove tutto ebbe inizio.

James McAvoy interpreta Bill; la nominata all’Oscar Jessica Chastain è Beverly; Bill Hader ritrae Richie; Isaiah Mustafa è Mike; Jay Ryan interpreta Ben; James Ransone è Eddie, e Bill Skarsgård interpreta il protagonista Pennywise. Andy Bean è Stanley, mentre tornano ai loro ruoli originali di membri del Club dei Perdenti Jaeden Martell nei panni di Bill; Wyatt Oleff nei panni di Stanley; Sophia Lillis nei panni di Beverly; Finn Wolfhard nei panni di Richie; Jeremy Ray Taylor in quelli di Ben; Chosen Jacobs in quelli di Mike, e Jack Dylan Grazer è nuovamente Eddie.

Muschietti dirige il film da una sceneggiatura di Gary Dauberman (“IT”, “Annabelle: Creation”) basata sul romanzo ‘IT’ di Stephen King. Barbara Muschietti, Dan Lin e Roy Lee sono i produttori del film. Marty Ewing, Seth Grahame-Smith e David Katzenberg ne sono i produttori esecutivi. Il team creativo che ha lavorato dietro le quinte include il direttore della fotografia Checco Varese (“The 33”), lo scenografo vincitore dell’ Oscar Paul D. Austerberry (“La forma dell’acqua”), il montatore Jason Ballantine (“IT”, “Mad Max : Fury Road “), e il costumista nominato all’Oscar Luis Sequeira (“La forma dell’acqua”, “Mama”).

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione